Bollo auto 2020: primo pagamento, modalità ed esenzione

Pubblicato il 13 Maggio 2020 alle 11:21 Autore: Daniele Sforza

Ultime notizie sul bollo auto 2020: ecco la modalità di svolgimento del primo pagamento di questa imposta e i casi di esenzione.

Bollo auto 2020 primo pagamento
Bollo auto 2020: primo pagamento, modalità ed esenzione

Può essere utile fare un riepilogo sulle modalità di versamento del bollo auto 2020 per tutti quegli automobilisti che quest’anno si troveranno a pagare per la prima volta l’imposta. Andiamo quindi a fornire le informazioni utili sulle modalità di pagamento della tassa e sui casi di esenzione.

Bollo auto 2020: quando e dove si paga

Se si compra una nuova auto è necessaria iscriverla presso il Pubblico Registro Automobilistico, quindi stipulare subito un contratto di assicurazione e infine pagare il primo bollo auto. Per pagare questa imposta, che va versata annualmente e il cui importo dipende dalla potenza del veicolo e dal suo impatto ambientale, ci si può affidare alle agenzie ACI territoriali o alle agenzie che sbrigano le pratiche auto, ma si può versare l’imposta anche nei tabaccai autorizzati e nei punti vendita Sisal e Lottomatica (prevista una commissione sul pagamento), presso gli uffici di Poste Italiane o tramite home banking. Per conoscere l’importo in anticipo ci si può recare sul sito dell’ACI o dell’Agenzia delle Entrate, nelle pagine dedicate, e inserire i dati richiesti.

Calcolatore pagamento PagoPA: ecco come funziona

Il bollo auto per la prima immatricolazione va pagato subito, poi il versamento andrà ripetuto ogni 12 mesi. Il bollo può scadere a maggio, agosto o dicembre e il pagamento andrà effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo, quindi rispettivamente giugno, settembre o gennaio.

Bollo auto 2020: casi di esenzione

Per il pagamento del bollo auto sono previsti anche casi di esenzione, che si applicano non solo per i soggetti disabili, ma anche per certi tipi di veicoli. Esonerati dal pagamento del bollo auto sono i disabili titolari di Legge 104 rispondenti ai seguenti profili di handicap: non vedenti, sordi, disabili con handicap psichico o mentale titolari dell’indennità di accompagnamento e disabili con grave limitazione della capacità di deambulazione o affetti da pluriamputazioni, persone disabili con ridotte o impedite capacità motorie.

Per i casi di esenzione sul tipo di veicolo è bene consultare la normativa della regione di riferimento, visto che il bollo auto è un’imposta di tipo regionale. Generalmente i possessori di auto elettriche sono esonerati dal pagamento del bollo almeno fino al quinto anno dall’immatricolazione, mentre i casi di esenzione riguardano anche le auto storiche (con almeno 30 anni di vita).

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →