Pubblicato il 22/05/2012 Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2014 alle 10:43

I rom nell’Europa orientale, ovvero come ti demonizzo il diverso

autore: EaST Journal

Da Bucarest – L’otto aprile è stata la giornata internazionale dei Rom e dei Sinti. In ogni paese le giornate internazionali hanno odori diversi. Profumano di vittoria, o di sconfitta. A volte di superfluo. Bucarest, capitale del paese con la più numerosa popolazione rom, ha proposto una giornata di documentari e di informazione. In un cinema, un po’ d’altri tempi, senza molta pubblicità. Una ventina di ragazzi, due o tre teste bianche e lo schermo. Passano le ore, e le storie si intrecciano. Ragazzini che arano campi – si parla di garantire l’accesso scolastico a tutti-, e roulotte che cercano di raggiungere la Francia, ancora, dopo l’ennesima espulsione, perché “qui in Romania non si può più stare”. C’è un villaggio di 700 persone, costruito al confine tra due distretti, che non riceve né acqua, né luce. Né documenti. Se non quelli temporanei, concessi occasionalmente da qualche partito in vista delle elezioni, e poi ritirati.

E’ chiaro: la considerazione dei rom è pessima. L”informazione è pessima. Ci si dimentica spesso che sono uomini. Anche qui, dove la maggior parte non vive in baracche, ma lavora, svolgendo le professioni più umili. Nei più casuali dialoghi con la gente, uno straniero in Romania viene informato della differenza tra romeni e rom, almeno una volta al giorno. “Non siamo gypsies, non siamo tigani, non siamo zingari. Noi non rubiamo”. L’immagine è senza dubbio quella proposta dai media. La capacità dei media romeni di influenzare l’opinione pubblica lavora su costruzione e diffusione di stereotipi negativi riguardanti i rom.

[ad]Una ricerca condotta quasi dodici anni fa dall’Accademia Catavencu è ancora rilevante, ci mostra come il gioco sia sempre lo stesso: si demonizzano la povertà, le tradizioni ed i costumi, ed il collegamento tra criminalità ed etnia rom è diretto. E poi c’è la mafia tiganeasca. Fa quasi sorridere sentire una donna rom parlare di un vicino poco simpatico apostrofandolo come “zingaro”.

Ci sono 12 milioni di rom in Unione Europea. Non hanno un paese d’origine, e la maggior parte ha ormai messo le proprie radici nell’Europa balcanica. Ma chi sono davvero, e da cosa scappano?

Dal rapporto 2009 di EU-MIDIS, indagine condotta dall’Agenzia dei Diritti Fondamentali sulle minoranze europee, emerge che la popolazione Rom raggiunge i più alti livelli di discriminazione nei Paesi dell’Est Europa. Intolleranza accentuata dall’eredità socialista, ma ben più antica.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →