Esplosione Beirut: aggiornamento morti e feriti al 6 agosto 2020

Pubblicato il 6 Agosto 2020 alle 15:00 Autore: Guglielmo Sano

Esplosione Beirut: come procedono le operazioni di recupero di morti e feriti dopo la tremenda esplosione avvenuta martedì al porto della capitale libanese

Esplosione Beirut: aggiornamento morti e feriti al 6 agosto 2020
Esplosione Beirut: aggiornamento morti e feriti al 6 agosto 2020

Esplosione Beirut: come procedono le operazioni di recupero dei morti e dei feriti dopo la tremenda esplosione avvenuta martedì al porto della capitale libanese. Attualmente, il bilancio è di almeno 140 morti e di oltre 5mila feriti.

Esplosione Beirut: le speranze di trovare dei sopravvissuti

Esplosione Beirut: l’esplosione avvenuta martedì al porto della capitale libanese ha generato danni ingenti su un’area ampia più di 4 chilometri quadrati. Un evento drammatico che ha causato, stando agli ultimi dati diffusi dal ministro della Salute Hamad Hassan, almeno 140 morti e oltre 5mila feriti. D’altra parte, il bilancio delle vittime è destinato a crescere velocemente, purtroppo, visto lo stato in cui versano molti ricoverati.

Detto ciò, i soccorritori restano fiduciosi: ci sono buone possibilità di trovare dei sopravvissuti sotto le macerie assicura il coordinatore della squadra inviata dalla Francia, arrivata ieri sul luogo. Nel frattempo, sono molti i paesi che piangono insieme alla popolazione locale: è stata trovata senza vita nella sua abitazione una dipendente dell’ambasciata tedesca, per esempio, ha perso la vita anche l’architetto francese Jean-Marc Bonfils, fanno sapere dal Ministero della Cultura transalpino.

Le indagini sul deposito di nitrato di ammonio

Esplosione Beirut: mentre continuano le operazioni di soccorso, proseguono anche le indagini sul deposito di nitrato di ammonio stoccato al porto della capitale a quanto pare sin dal 2013, quando era arrivato in Libano a bordo di una nave mercantile russa. La nave si chiamava Rhosus e, partita dalla Georgia, era diretta in Mozambico per consegnare 3mila tonnellate di nitrato di ammonio a una società che si occupava di esplosivi per edilizia, miniere e industria.

L’imbarcazione si è fermata a Beirut poiché l’armatore non aveva abbastanza risorse per pagare il pedaggio del canale di Suez. Dal porto della capitale libanese la Rhosus non partì mai più e il suo carico, potenzialmente pericoloso, in seguito venne spostato in un magazzino: quindi, probabilmente a causa di una saldatura svolta in sua prossimità, ha causato la tragica esplosione.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →