Tessera sanitaria 2021 scaduta: come richiedere il duplicato?

Pubblicato il 3 Febbraio 2021 alle 12:53 Autore: Claudio Garau
Tessera sanitaria scaduta o smarrita, come richiedere il duplicato

Tessera sanitaria 2021 scaduta: come richiedere il duplicato? 

La tessera sanitaria è un documento fondamentale per tutti i cittadini italiani e ormai svariati milioni di queste tessere sono dotate di microchip e possono essere utilizzate anche come “Carta nazionale dei servizi” (Cns), per poter usufruire dei servizi online delle pubbliche amministrazioni. Come tutti sanno, la tessera sanitaria spetta fin dalla nascita, ma non ha durata illimitata. Infatti, detto documento ha una data di scadenza: che cosa succede a documento scaduto? come si fa a richiedere il duplicato? Sono domande cui daremo risposta di seguito.

Se ti interessa saperne di più sul duplicato patente, come si fa, quanto costa tempi, clicca qui.

Tessera sanitaria: cos’è e a che serve?

Si tratta di uno dei più importanti documenti del cittadino, e viene rilasciato gratis dall’Agenzia delle Entrate a tutti coloro che hanno diritto alle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale, ossia a tutti coloro che hanno un codice fiscale attribuito dall’Amministrazione finanziaria e sono iscritti all’Asl di competenza. Per esempio, la tessera sanitaria serve a a registrare l’acquisto di farmaci da portare in detrazione fiscale, oppure è utile ad accedere a cure e prestazioni mediche all’estero. Non solo: detto documento può essere sfruttato in sostituzione del codice fiscale.

La tessera è inoltre utile per prenotare visite, pagare il ticket o visualizzare le spese mediche nel 730 precompilato e per rendere nota l’opposizione all’uso dei citati dati di spesa da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Come sopra accennato, le tessere rilasciate dall’Amministrazione finanziaria a partire dal 2011 sono dotate di un microchip che include un codice di autenticazione personale e funzionano dunque come Carta nazionale dei servizi. Infatti, il possessore può accedere online ai siti web delle  pubbliche amministrazioni e visionare comodamente i propri dati personali su schermo.

La scadenza della tessera sanitaria è normalmente di 6 anni dalla data di emissione, tuttavia sussistono casi particolari: per esempio, in ipotesi di cambio del proprio medico di base in una regione differente da quella di residenza, la validità sarà pari ad un anno; e per i cittadini extracomunitari la validità sarà la stessa già disposta per il permesso di soggiorno.

Rinnovo tessera dopo scadenza: come fare

La prassi ci insegna che l’Agenzia delle Entrate invia la tessera sanitaria nuova in automatico e a ridosso della scadenza della tessera vecchia. Tuttavia, non sempre ciò accade, e se l’invio non si verifica sarà il cittadino contribuente a dover richiedere il rinnovo del documento in oggetto.

Non capita di rado che intoppi, rallentamenti o anomalie dell’amministrazione pubblica diano luogo alla mancata consegna a casa della nuova tessera sanitaria: ecco perchè talvolta ci si deve attivare di propria iniziativa.

Il rinnovo della tessera sanitaria dovrà essere domandato dall’interessato, presso l’Asl o presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate che, in via temporanea, rilascerà al cittadino un certificato sostitutivo da usare fino al recapito del documento in corso di validità.

In particolare, l’Asl di competenza si adopererà per comunicare tempestivamente al Sistema Tessera Sanitaria, la domanda di rinnovo. Per questa via, la nuova tessera sanitaria in corso di validità sarà spedita a casa, all’indirizzo di residenza collegato al codice fiscale del destinatario e richiedente.

Inoltre, al fine di controllare lo stato della tessera sanitaria è possibile effettuare l’accesso al portale del Sistema TS, immettendo il proprio codice fiscale. L’esito della ricerca darà uno dei risultati che seguono:

  • se non risulta rilasciata nessuna tessera sanitaria, il messaggio web che appare è “Non sono presenti Tessere Sanitarie”. Pertanto, occorre rivolgersi senza indugio alla ASL di competenza;
  • se invece appare che lo stato della tessera sanitaria è “In corso di emissione”, non resta che attendere il completamento dell’iter fino alla spedizione;
  • se è visualizzato “Spedita”, ma la tessera non è stata ancora ricevuta, è opportuno rivolgersi all’Agenzia delle Entrate, per controllare l’esatta registrazione della propria residenza.

Attenzione però: come visto finora, fare richiesta di rinnovo è operazione agevole, ma sarebbe consigliabile fare luce sulle ragioni per le quali non è stata spedita a casa. Ciò in quanto, di regola, l’Amministrazione finanziaria spedisce la nuova tessera sanitaria, almeno due mesi prima della scadenza. Ad es. un errore nella comunicazione del codice fiscale, la mancata iscrizione all’Asl oppure il cambio di residenza in prossimità della scadenza sono tutti motivi che possono impedire l’invio automatico e gratuito della nuova tessera sanitaria.

Se ti interessa saperne di più sulla carta d’identità elettronica per l’accesso al Fisco online, clicca qui.

Il documento ha validità dopo la scadenza?

Se è vero che bisogna tempestivamente adoperarsi per il rinnovo della tessera sanitaria scaduta, è però altrettanto vero che questo documento conserva una validità parziale, anche dopo la data di scadenza.

Infatti, la tessera sanitaria è valida anche dopo la scadenza in funziona di documento sostitutivo del codice fiscale e può essere sfruttata anche in farmacia per la registrazione telematica degli acquisti detraibili in dichiarazione dei redditi. Analogamente, può essere usata per accedere ai servizi del Servizio Sanitario Nazionale.

Ma attenzione: è essenziale domandare subito il rinnovo tessera sanitaria scaduta, nell’ipotesi di prossimo viaggio all’estero: all’Asl sarà emesso il certificato sostitutivo della cd. Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM).

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →