Pensioni ultime notizie: quota 100 addio. La strategia Draghi

Pubblicato il 4 Marzo 2021 alle 11:49 Autore: Claudio Garau
pensioni ultime notizie pensionamenti 2021

Una differenza su tutte, emerge già in questo nuovo Governo. Ben poche infatti le parole utilizzate pubblicamente dal Premier Draghi, che preferisce lavorare ‘nell’ombra’, senza particolari proclami o frequenti contatti con la stampa. Insomma, la sua strategia appare tutta improntata sulla massima concretezza, o almeno così sembra. Mai come in questo periodo occorre agire con misure puntuali e ben dettagliate. Proprio come per quanto riguarda le pensioni ultime notizie.

Si prefigura infatti l’addio a quota 100, a seguito della sua sperimentazione triennale. La data ultima è il 31 dicembre: sul piatto – tra gli altri grandi temi – anche quello della riforma delle pensioni. Draghi ha in mente di eliminare l’ipotesi di una proroga, ma è necessario introdurre contromisure efficaci per neutralizzare il temuto “scalone”. Vediamo più nel dettaglio.

Se ti interessa saperne di più sulle scadenze fiscali e la proroga in arrivo per rottamazione ter e saldo e stralcio, clicca qui.

Pensioni ultime notizie: l’abbandono quota 100 comporta il rischio ‘scalone’

Insomma, all’orizzonte significative novità sul fronte pensionistico, giacchè attualmente le regole di quota 100 permettono l’accesso alla pensione anticipata con almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi, ma la risposta dei lavoratori è stata al di sotto del previsto. Nelle scorse settimane si è parlato di varie ipotesi di riforma, tra le altre quota 41 e quota 102, ma non solo.

Il problema, come anticipato, è evitare il ripido ‘scalone’ che deriverebbe dall’addio a quota 100. Infatti, in mancanza di interventi tempestivi, con la fine di Quota 100 lo scalone in oggetto comporterebbe il diritto al pensionamento solo a partire dai 67 anni di età. Come hanno fatto notare alcuni osservatori, si tratterebbe dunque di una svolta dai tratti impopolari, tanto che il PD, da sempre contrario a quota 100, nelle scorse settimane avrebbe ipotizzato una mini-proroga della misura, almeno fino ai primi mesi del 2022, per guadagnare tempo.

Come detto, nell’ambito delle pensioni ultime notizie l’obiettivo è anche neutralizzare il pericolo scalone, ed al contempo abbandonare quota 100. Ecco che le possibilità di un rinnovo di quota 100, su cui ha molto insistito in passato il leader della Lega Salvini, sono decisamente in diminuzione, se non ormai pari a zero. Niente proroghe dunque, neanche in formato ‘mini’.

L’Europa chiede soluzioni diverse da quota 100

Il punto è rappresentato dalle tempistiche, oltre che dalle scelte di merito. Infatti, rinviare anche soltanto di qualche mese l’addio a quota 100 certamente da un lato ritarderebbe il confronto con le insidie dello scalone, ma, al contempo, potrebbe dare luogo a nuovi conflitti con la Commissione UE. Con quest’ultima, peraltro, nelle prossime settimane ci saranno confronti serrati, essendo sul piatto l’erogazione fondi del Recovery fund.

C’è chi ha notato che la Commissione Ue – la quale ha nel mirino ‘Quota 100’ fin dalla sua introduzione, così come lo stop fino al 2026 dell’adeguamento automatico all’aspettativa di vita dei trattamenti anticipati – ritiene il ritorno alle linee di orientamento della riforma Fornero, una sorta di condizione implicita per poter ottenere l’assegnazione in autonomia dei 209 miliardi di aiuti europei.

In buona sostanza, le pensioni ultime notizie ci dicono che Mario Draghi non potrà non tenere conto delle richieste delle istituzioni UE, ma anche – a dire il vero – dei sindacati, nella ricerca di un delicato equilibrio.

La strategia Draghi non può dunque che mirare ad una vera e propria riforma strutturale di tutto il settore pensioni, il cui completamento rappresenta una sicura sfida. Oltre a questa ipotesi, potrebbe però farsi largo l’idea di agire sulle soglie di pensionamento e sui coefficienti di trasformazione, restando sul ‘piano’ contributivo.

Se ti interessa saperne di più sulle pensioni e il ricalcolo Irpef a marzo, clicca qui.

Non solo: la riforma delle pensioni potrebbe anche essere immessa dentro un grande progetto di riforma del Welfare, con un nuovo testo unico sul tema pensioni. Quest’ultimo, in particolare, rappresenterebbe un fattore cruciale per Draghi, così come emerso dal suo recente discorso alle Camere.

Concludendo, non resta che attendere le prossime pensioni ultime notizie per capire nel dettaglio quali saranno i prossimi passi dell’Esecutivo su questo delicato e complesso tema. Si tratta di bilanciare opposti interessi e richieste differenti, e l’operazione – da svolgersi in tempi non dilatati – appare di certo non di facile concretizzazione.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU GOOGLE NEWS

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a 
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →