Il 19 maggio in Turchia, meno fiori del solito per Atatürk

Pubblicato il 23 Maggio 2012 alle 16:02 Autore: EaST Journal

Quest’ anno il governo di Erdoğan sembra intenzionato a frenare l’entusiasmo che, da più di novant’ anni, segna la Giornata Nazionale dei giovani e dello sport. Il cuore del problema è che il 19 maggio rappresenta da sempre un giorno di celebrazione dell’amatissimo Ataturk. Nel 1919, in questa data, Mustafa Kemal sbarcava infatti a Samsun, segnando l’inizio della guerra di indipendenza che ha portato alla nascita della Repubblica turcadal disciolto Impero Ottomano.

Ataturk

Nel 2012 molte polemiche accompagnano le celebrazioni. Il governo dell’AKP aveva già preso la decisione di limitare fortemente la presenza militare durante le cerimonie per le festività nazionali; successivamente ha negato a molte organizzazioni non governative, associazioni e politici dell’opposizione il permesso di partecipare in modo ufficiale alle iniziative del 19 maggio. In sostanza, solamente le autorità locali per i giovani e lo sport potranno sfilare ufficialmente fino ai monumenti dedicati al padre della patria. Dai principali esclusi si è sollevato un grande moto di indignazione e sono sorte iniziative in tutto il paese.

[ad]I rappresentanti di oltre dieci ONG si sono riuniti nella provincia di Samsun e, per protesta, hanno deposto le proprie corone di fiori un giorno prima della festa nazionale. La dedica ai giovani e allo Sport fu un’idea dello stesso Ataturk durante gli anni della sua presidenza, per questo ora è così collegata al suo ricordo ed è importante per l’intera popolazione. Il governatore della provincia di Isparta non ha concesso al principale partito dell’opposizione – il Partito Popolare Repubblicano (CHP) – l’autorizzazione a celebrare la giornata con la rituale deposizione della corona di fiori. Il fatto è rilevante perché nega che il 19 maggio sia, com’è sempre stato, la festa di tutti. Molti esponenti politici e altre figure eminenti, tra gli altri il capo del sindacato dei lavoratori Kamu-Sen Ismail Koncuk, hanno espresso il proprio rammarico per il programma modesto riservato alla giornata di oggi. Il recente regolamento emanato dal Consiglio dei Ministri prevede che nella ricorrenza del 19 maggio non si potranno più includere cerimonie ufficiali, parate e grandi spettacoli negli stati.

Ad Istanbul lo scollamento tra la cerimonia ufficiale  e le altre cerimonie sarà più che mai evidente. Nella zona di Beyoglu viaggeranno parallele le diverse iniziative  di associazioni e partiti, tra cui un corteo con grande concerto finale organizzato dall’Unione dei Giovani Turchi. Persino lo sguardo fiero degli onnipresenti monumenti di Atatürk potrebbe alzare un sopracciglio, confuso.

Da EastJournal

di Silvia Padrini

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →