Green pass 6 dicembre: fila liscio il primo giorno con le nuove regole

Pubblicato il 7 Dicembre 2021 alle 10:12 Autore: Guglielmo Sano
Green pass 6 dicembre: fila liscio il primo giorno con le nuove regole

Green pass 6 dicembre: fila liscio il primo giorno con le nuove regole

Green pass 6 dicembre: ieri, lunedì 6 dicembre 2021, ha fatto il suo esordio il certificato “a doppia velocità”. Nessuna protesta ha conquistato l’onore delle cronache e a quanto pare anche gli italiani sanzionati sono stati pochissimi.

Green pass 6 dicembre: fila liscio il primo giorno con le nuove regole

Green pass 6 dicembre: ieri, lunedì 6 dicembre 2021, ha esordito il certificato “a doppia velocità; la misura introdotta dall’ultimo Decreto Covid lanciato dal Governo Draghi. Con il provvedimento è stato previsto un Green pass rafforzato (Super Green pass) per i vaccinati e i guariti dal Covid da almeno 180 giorni e un Pass “base” che può essere ottenuto a seguito di tampone con esito negativo.

Si temevano proteste da parte dei movimenti No green pass e No Vax ma alla fine sembra che, almeno a livello generale, sia filato tutto liscio nel primo giorno di validità delle nuove regole. Anche sul versante delle multe, a fronte delle migliaia di controlli effettuati dalle forze dell’ordine, non sono stati rilevati numeri particolarmente significativi.

Risolto il nodo dei controlli?

Green pass 6 dicembre: una degli aspetti più controversi del Decreto Covid che ha introdotto il certificato “a doppia velocità” proprio quello dei controlli. L’assetto del provvedimento faceva intendere che si dovessero svolgere ad ampio spettro – il Green pass base è necessario anche per salire sui mezzi del trasporto pubblico locale per esempio – forse troppo ampio perché gli organi preposti, le forze dell’ordine, potessero condurli in modo efficace.

Alla fine, invece, il modello delle verifiche “a campione” sembra essersi dimostrato efficiente: il Ministero dell’Interno non ha ancora diffuso dei dati approfonditi in merito ma sono state decine di migliaia le verifiche effettuate (circa 30mila), come sottolineato dal Viminale, in un clima sostanzialmente collaborativo. Neanche sulle multe sono disponibili dei dati precisi al momento: tuttavia, anche qui sembra che il numero delle persone sanzionate sia stato molto basso (più o meno 900 in tutto il paese).

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →