Sondaggi Ipsos: italiani divisi sul profilo del governo Meloni

Pubblicato il 25 Ottobre 2022 alle 14:54 Autore: Andrea Turco
sondaggi ipsos

Sondaggi Ipsos: italiani divisi sul profilo del governo Meloni

Nel fine settimana appena passato il governo Meloni ha giurato al Quirinale. Ma quale sarà il profilo del nuovo esecutivo? È questa una delle domande che Ipsos ha posto agli italiani nel suo ultimo sondaggio per Di Martedì, andato in onda il 18 ottobre su La7. Per il 44% degli italiani il governo a guida Meloni sarà moderato mentre per il 40% sarà molto di destra.

Nel suo discorso programmatico alla Camera la neo premier ha detto che il governo “durerà 5 anni”. Anche la maggioranza degli italiani ritiene che l’esecutivo rimarrà in carica per tutta la durata della legislatura. Questa quota si divide tra chi pensa che il governo governerà bene rimanendo compatto (30%) e chi male a causa di liti continue al suo interno (31%). Il 23% crede invece che alla fine il centrodestra si spaccherà presto, senza riuscire a governare.

Infine un commento sullo scontro avvenuto tra Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, di cui hanno parlato i mezzi d’informazione nei giorni scorsi. Il botta e risposta tra i due ha fatto una brutta impressione al 42% degli italiani mentre il 36% ha ritenuto lo scontro una cosa normale.

Sondaggi Ipsos: nota metodologica

Data o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 17 ottobre 2022. 500 casi rappresentativi della popolazione italiana maggiorenne; margine di errore compreso tra +/- 0,9% e +/- 4,4% sulle stime relative al totale degli intervistati. Metodo raccolta delle informazioni: CATI.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →