Sondaggi politici Swg, per i giovani il rispetto conta più della libertà

Pubblicato il 26 Ottobre 2022 alle 15:25 Autore: Gianni Balduzzi
sondaggi politici, sondaggi elettorali swg

Il 72% degli under 30 conta di spendere meno per il divertimento

Categoria molto citata, in ambito politico, economico, sociologico, quella dei giovani è anche protagonista degli ultimi sondaggi politici di Swg.

L’istituto ha chiesto a chi ha tra 18 e 30 anni quali siano le emozioni che in questi giorni vivono maggiormente, dando un punteggio da 0 a 10 a ogni sentimento in base all’intensità con cui lo provano. A pari merito in testa con 5,6 vi sono tristezza e rabbia, seguite, con 5,5 e 5,4, da disgusto e paura.

Le emozioni positive, come speranza, gioia, fiducia e sorpresa vengono solo dopo.

Inoltre il 42% di tali giovani si sente parzialmente (il 36%) o del tutto (il 6%) escluso dalla società in cui vive.

sondaggi politici

Quali sono dunque i valori di chi ha meno di 30 anni oggi? Il rispetto, nominato dal 51%, supera la libertà, con il 45%. Pochi, a dispetto della supposta anima ecologista della generazione Z, indicano sostenibilità, 18%, e ambiente, 21%.

Dopo la libertà vi è l’onestà, con il 39%, la salute, con il 38%, l’amore, con il 31%.

sondaggi politici

Sondaggi politici Swg, l’inflazione colpisce la generazione più giovane

Le altre domande di questa parte dei sondaggi politici di Swg riguardano le previsioni dei giovani sul futuro.

Sono inequivocabilmente pessimiste. Per il 31% l’economia peggiorerà molto nei prossimi tre mesi, per il 35% poco. E se per il 28% rimarrà uguale, solo per il 6% vi sarà un miglioramento.

Del resto il 43% crede che la propria famiglia avrà uscite superiori alle entrate. Per il 33% vi sarà un pareggio, e meno di un quarto vede, invece, entrate superiori alle uscite.

sondaggi politici

La diretta conseguenza di questa sfiducia è la riduzione dei consumi. In particolare il 40% ha già diminuito quelli per il divertimento, e il 44% anche per gli acquisti importanti. Vi è poi un’importante porzione che punta a cambiare abitudini nell’immediato futuro.

Complessivamente si tratta del 72% nell’ambito del divertimento e del 71% in quello degli acquisti importanti, nonché del 70% per quanto riguarda i consumi in ristoranti e pizzerie.

La spesa che i giovani hanno intenzione di salvaguardare di più è quella per la cultura. In questo caso il 47% manterrà i consumi attuali.

sondaggi politici

Questi sondaggi politici sono stati realizzati con metodo Cawi tra il 19 e il 24 ottobre su 176 soggetti

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Gianni Balduzzi

Editorialista di Termometro Politico, esperto e appassionato di economia, cattolico- liberale, da sempre appassionato di politica ma senza mai prenderla troppo seriamente. "Mai troppo zelo", diceva il grande Talleyrand. Su Twitter è @Iannis2003
Tutti gli articoli di Gianni Balduzzi →