05/06/2012

Alanya, Turchia: Las Vegas e il minareto

autore: EaST Journal

Alanya è una cittadina a metà strada tra Antalya e Mersin, adagiata sulla costa meridionale della Turchia. Arrivarci in automobile dai tre punti cardinali dotati di viabilità terrestre significa aver attraversato paesaggi in cui la presenza dell’uomo è scarsa, se non inesistente. Per chilometri si viaggia su strette strade costiere o tortuose strade di montagna, percorse prevalentemente da camion carichi di Coca Cola. La civiltà si può incontrare nei villaggi rurali, nei paesi che paiono sorti intorno a un autogrill in stile “Arizona” oppure in piccoli agglomerati urbani piuttosto anonimi. Tutti questi luoghi hanno una cosa in comune: la totale assenza di turismo. Non è certo come l’italica costa Adriatica dove la vocazione si intuisce ad ogni chilometro. Tuttavia, in prossimità di Alanya si iniziano a scorgere dapprima inspiegabili (ancora per poco) buchi nelle montagne, subito dopo grandi cantieri affollati di gru che svettano nel cielo e, man mano che ci si avvicina alla città, nuovissimi alberghi mastodontici presumibilmente dotati -da soli- della stessa quantità di servizi che può offrire una città come Biella. A quel punto è chiaro dove sono diretti i camion carichi di bevanda frizzante.

alanya

[ad]La serie di strutture ricettive da turismo di massa accompagna la vista per un lungo tratto di costa. Alanya è una città in espansione per accogliere un sempre maggior numero di vacanzieri. Molti di quelli attuali attendono di venire qui per vedere finalmente il sole brillare. Russi e scandinavi, in particolare, hanno trovato in questa città il luogo perfetto per la villeggiatura. Si può scorgere ad ogni angolo un’insegna in cirillico, un “norwegian pub”, una coppia di mezza età ben più alta e bionda della media degli abitanti autoctoni. D’altra parte, i residenti non sono molti: poco meno di centomila. I turisti, invece, raggiungono ogni anno la soglia dei sei, sette milioni. Oltre a Russia e Scandinavia, Antalya vede rappresentanze da Polonia, Francia, Germania, Austria, paesi baltici, Inghilterra e Stati Uniti. Al contrario, gli israeliani che fino al 2008 prendevano d’assalto gli alberghi di lusso con più di trecentomila presenze l’anno hanno drasticamente ridotto le prenotazioni, come svelava l’Hurriyet Daily News  alla fine della scorsa stagione, sino ad arrivare ad un numero irrisorio di presenze. La ragione della sparizione dei turisti provenienti da Israele è da ricercarsi nella crescente tensione tra Ankara e Tel Aviv. Anche i vicini del sud, che si attendevano numerosi dopo l’accordo tra Turchia e Siria per togliere reciprocamente l’obbligo del visto, mancano all’appello, a causa della situazione di grave instabilità in cui versa il paese ancora nelle mani degli Assad. Alanya vive evidentemente grazie al turismo, quindi è sempre alla ricerca di nuovi mercati, attraverso una vastissima offerta immobiliare e mirate strategie per accattivare possibili nuovi turisti dai quattro angoli del mondo. L’Alanya Tourism Fest di quest’anno, ad esempio, avrà la Lettonia come ospite d’onore.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →