26/08/2012

Sei romeno? Niente trapianto

autore: EaST Journal
trapianto di cuore

La notizia è una di quelle cui siamo troppo abituati. Un marittimo, di nazionalità romena, cinquantatre anni, imbarcato sulla nave di un armatore italiano, è stato colto da infarto nella notte tra il 19 e 20 agosto mentre si trovava al largo di Mestre. Trasportato d’urgenza all’ospedale poteva essere salvato solo con un trapianto di cuore. Da Mestre chiamano a Padova in cerca di un cardiochirurgo che arriva, e dopo aver constatato i fatti produce una cartella clinica che dà il nulla osta per il trasferimento da Mestre alla Romania “per continuare le cure” ed eventualmente “mettersi in lista per il trapianto”. Peccato che il romeno fosse tenuto in vita dalla macchina della circolazione extracorporea.

Una follia.

[ad]A Mestre ovviamente se ne rendono conto e invece di chiamare l’areonautica militare per organizzare il trasporto chiamano a Udine, dove c’è un altro ospedale autorizzato ai trapianti di cuore dove l’equipe del prof. Ugolino Livi lo opera con successo e fra poco l’uomo potrà tornare in Romania con le sue gambe.

Perché il cardiochirurgo padovano si è reso protagonista di una simile decisione? Non volendo subito gridare alla discriminazione, citiamo quanto scritto da Il Messaggero che riporta un dialogo tra il cardiochirurgo padovano e un collega di Mestre. “Ma perché non lo operate voi?”, avrebbe chiesto il secondo. E il padovano pare abbia risposto: “stando alle indicazioni del Nord Italia Transplant, i cuori degli italiani vanno dati di preferenza agli italiani.”

trapianto di cuore

Se quanto riportato è vero, la discriminazione è istituzionalizzata e non va ricondotta in capo al solo cardiochirurgo. Il Nord Italia Transplant (NITp) è il Centro Interregionale di Riferimento (CIR) per i trapianti con sede presso il Centro Trasfusionale e di Immunologia dei Trapianti dell’ Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Attualmente il NITp serve un’area dove risiedono 18 milioni di abitanti ed è costituito da 98 ospedali di prelievo. Pianifica e coordina l’attività di trapianto di organi in gran parte del nord Italia. Se le direttive di “dare i cuori italiani agli italiani” sono vere, allora si dimentica che la legge prevede che un cittadino comunitario (e la Romania fa parte dell’Unione Europea) ha il diritto di avvalersi del servizio sanitario del Paese in cui si trova. Non solo, la società armatoriale che ha assunto il marittimo romeno, la compagnia Elbana Navigazione Spa di Piombino, lo ha fatto regolarmente e regolarmente ha pagato l’assicurazione dovuta perchè il marittimo abbia assistenza negli ospedali italiani.

Quello che sembra grave non è solo l’atteggiamento del chirurgo (che ha firmato per il trasferimento in Romania di un uomo moribondo, vivo solo perché attaccato a una macchina) ma anche le direttive sanitarie (ufficiali o ufficiose che siano) che si profilano come un vero atto discriminatorio nei confronti di persone straniere. La domanda che malignamente ci facciamo è la seguente: se il marittimo fosse stato di nazionalità tedesca, il chirurgo avrebbe reagito allo stesso modo?

Da EastJournal

di Matteo Zola

Autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →