•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 4 maggio, 2010

articolo scritto da:

Regionali 2010: una proiezione sul nazionale

elezioni regionali - Termometro Politico

Molti analisti o semplici curiosi della politica, dopo il voto delle Regionali, si sono chiesti quale sarebbe stato il risultato se contestualmente alle Regionali si fosse votato anche per le Politiche.

watermark.php

 

[ad]Le scorse Regionali hanno interessato circa il 70% della popolazione italiana, in sostanza una sorta di elezione mid-term di questa legislatura, vinta senza dubbio dal centrodestra e quindi dal governo in carica. Sette regioni a otto per il centrosinistra, sebbene le regioni più popolose siano passate al centrodestra; ma in sostanza quali sono i “numeri” a livello nazionale, come sono andati i singoli partiti?

Termometro Politico per rispondere a tale domanda ha fatto una proiezione, aggregando le varie civiche ai partiti di cui sono emanazione e colmando il gap delle regioni in cui non si è votato (meno del 30% del totale) con il voto delle scorse europee, ovviamente ponderandolo all’affluenza reale. A livello nazionale il risultato è stato sorprendente: a livello di coalizione, centrodestra e centrosinistra, come pure l’UDC, rimangono stabili, ma c’è stato un certo travaso interno. La Lega, al contrario di ciò che si crede, è pochi decimi al di sopra del livello delle Europee, stessa cosa il PdL, perde solo mezzo punto; il vero risultato è stato del PD che sale di quasi due punti, ma a spese degli alleati e affini.

Ma ecco la tabella completa regione per regione:

proiezreg

Chi avrebbe vinto un eventuale elezione Politica con questi numeri? Ipotizzando un alleanza tra PdL, Lega ed MpA da una parte, PD, IdV, Sel, FdS e Radicali dall’altra, il centrodestra avrebbe una maggioranza stabile alla Camera, ma una maggioranza meno solida al Senato. Ecco i dati del Senato:

CENTRODESTRA 162

UDC 8

CENTROSINISTRA 143

ALTRI 2 (Sud America e Vd’A)

Causa di tale instabilità sarebbero due regioni: la Puglia, con cui il PdL dovrebbe dividere i seggi di minoranza con l’UDC, che ne strapperebbe ben due, e il Lazio, dove il PdL senza UDC sarebbe minoranza. Con tali numeri, se il Lazio o più verosimilmente la Puglia premiasse il centrodestra (non essendoci l’effetto Vendola delle Regionali), al Senato ci sarebbe una netta maggioranza per il PdL, ma le vere Politiche sembrerebbero lontane e il nostro un mero esercizio di fantasia, utile solo a farsi un idea “nazionale” sul voto di marzo.

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: