Nucleare: il problema dell’ecosostenibilità

Pubblicato il 9 Giugno 2011 alle 07:40 Autore: Matteo Patané
nucleare

Dopo aver parlato del grado di indipendenza che apporterebbe all’Italia un ritorno al nucleare credo sia doveroso affrontare il tema del costo ambientale di questa fonte di energia.

I sostenitori dell’energia nucleare sostengono si tratti di una fonte pulita, a causa del fatto che i processi di fissione non rilasciano gas serra o in generale gas inquinanti. L’apporto di inquinanti derivante dall’energia atomica sarebbe, quindi, solo quello legato alla costruzione e alla gestione della centrale.

Tabella delle emissioni di CO2 per diverse fonti energetiche

Sulla base di questo ragionamento diventerebbe semplice ottenere valori di ecosostenibilità dell’energia atomica – misurabili genericamente in grammi di CO2 per KWh elettrico – dell’ordine dell’intervallo 9 – 21 stimato dalla IAEA nell’ormai lontano 2000.
In realtà il ciclo dell’energia atomica è estremamente più articolato, come mostra lo schema riportato.

Ciclo vitale delle filiera energetica nucleare

Estrazione del minerale
L’impatto ambientale dell’attività estrattiva dell’uranio dipende dalla tipologia di miniera: ad esempio, lo sbriciolamento (crushing) e la macinatura del minerale (milling) sono attività importanti in una miniera rocciosa, ma poco rilevanti in una sabbiosa. La concentrazione di minerale e lo yield determinano la quantità di matrice da estrarre per ottenere la medesima quantità di uranio.

nucleare

Conversione del minerale in yellow cake
Per separare l’uranio dalla matrice è la procedura più comune prevede l’utilizzo di solventi acidi (acido solforico H2SO4 o acido nitrico HNO3) estremamente inquinanti.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: Matteo Patané

Nato nel 1982 ad Acqui Terme (AL), ha vissuto a Nizza Monferrato (AT) fino ai diciotto anni, quando si è trasferito a Torino per frequentare il Politecnico. Laureato nel 2007 in Ingegneria Telematica lavora a Torino come consulente informatico. Tra i suoi hobby spiccano il ciclismo e la lettura, oltre naturalmente all'analisi politica. Il suo blog personale è Città democratica.
    Tutti gli articoli di Matteo Patané →