•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 2 agosto, 2013

articolo scritto da:

Il bello di essere provinciali il caso di Sassuolo

E’ BELLO ESSERE PROVINCIALI: SASSUOLO

Non sarà la classica meteora del calcio italiano destinata, dopo un solo anno di permanenza, a ritornare nel purgatorio della Serie B.

Il Sassuolo di patron Squinzi, presidente di Confindustria, tra le altre cose milanista da sempre, vuole restare a lungo nel paradiso della Serie A, conquistata per la prima volta nella sua storia, dopo che già stagioni fa ci era andato vicinissimo.

I neroverdi allenati da Di Francesco rappresentano il lato più genuino del calcio italiano, lontanissimo anni luce dagli ingaggi milionari delle “big”, in cui il legame tra città e squadra è fortissimo.

Le storie più belle, più emozionanti dello sport arrivano dalla Provincia, da luoghi dove si può lavorare tranquillamente senza la frenesia della città, senza pressioni, circondati dall’entusiasmo della gente, e dove ritrovare, per chi proviene proprio dalla città, nuovi stimoli.

sassuolo mister di francesco

Per qualcuno l’etichetta di “provinciale” è un pesante limite alle proprie ambizioni, per altri addirittura un pesante insulto che, se pronunciato da un giornalista, può scatenare reazioni violente.

Essere provinciali non significa essere perdenti: il miracolo sportivo è possibile.

L’Hellas Verona di Bagnoli, campione d’Italia nella stagione sportiva 1984-1985, insegna che gli “ultimi” possono diventare primi.

Lotteranno sempre con il coltello tra i denti i ragazzi di mister Di Francesco, come hanno fatto in B e, c’è da crederci, se ne vedranno delle belle. Il Trofeo Tim, vinto davanti al proprio pubblico, contro Milan e Juventus è già un gustoso aperitivo di quanto questo Sassuolo voglia sorprendere tutti.

sassuolo presidente squinzi confindustria

E se poi il presidente Squinzi dichiara, dopo aver battuto l’odiatissima Juve “..abbiamo dato una lezione di gioco straordinaria, poi hanno tentato il solito furto sui rigori, e gli è anche andata bene..”, si prevedono dei post gara bollenti.

Risolto, almeno parzialmente il problema stadio, con il trasferimento a Reggio Emilia, si sta facendo di tutto per garantire una rosa affidabile, da categoria. L’arrivo del talentuoso Simone Zaza dall’Ascoli è stato davvero incredibile, dato che è stata sbaragliata la concorrenza di club molto più blasonati, come la Juventus.

Il dramma di Acerbi ha commosso tutto il mondo sportivo: appena arrivato a Sassuolo, ha scoperto un tumore. Subito operato, annuncia che al suo ritorno vuole rilanciarsi, dopo una stagione deludente al Milan. L’enigma Rosati spaventa Di Francesco, visto che il portiere è coinvolto nell’indagine “Cremona quater” e la richiesta di squalifica, pesantissima, di Palazzi. Si sognano Zaccardo dal Milan,e il colombiano Zapata, e si è ai dettagli con Rubin.

Comincerà a Torino, contro il Toro, l’avventura del Sassuolo in A. Per il presidente dei neroverdi, la tanto sognata partita a San Siro contro il Milan ci sarà all’ultima giornata, il 18 Maggio.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: