•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 29 settembre, 2013

articolo scritto da:

Grillo: “La crisi è del popolo italiano”

Beppe Grillo

“Per me è ovvio, semplice e previsto quello che è successo”. Beppe Grillo non perde l’occasione per attaccare anche i tanti cronisti giunti a Paderno Dugnano per intervistarlo.

L’idea del leader pentastellato è chiara: dopo la condanna di Berlusconi era prevedibile e scontata la crisi di governo. Attaccarsi a qualunque cavillo, pacificazione o responsabilità del caso è sempre sembrato inutile. E spesso, stucchevole.

grillo porcellum legge elettorale

“Io voglio parlare con i 20 milioni che votano ancora Pd e Pdl: se continuano a farlo il Movimento se ne va. Gli dico ‘se non ci votate io mi tiro fuori’. Dobbiamo andare alle elezioni, vogliamo mandare a casa tutte queste persone. Tutti. Rifacciamo questo Paese con un governo Cinque Stelle” ha continuato l’ex comico genovese.

Lui non cambia il suo motto elettorale: “tutti a casa” e per farlo la gente non deve più votare i partiti tradizionali. “Noi ci presenteremo alle elezioni: adesso, tra un mese o tra 4 mesi, quando saranno e siamo tranquilli, sarà il popolo italiano a giudicare”.

La crisi di governo sta aprendo scenari imprevedibili (Letta-bis? Governicchio tecnico?) e Grillo insorge: “non c’è nessuna crisi di governo: la crisi è del popolo italiano che non riesce più a capire”. Mette già le mani avanti il leader a 5 stelle, e intanto si procede inesorabili verso una nuova campagna elettorale.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: