•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 30 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Casini “Grillo uno sfascista, Renzi un venditore”

casini

Non ha dubbi Pier Ferdinando Casini. Fosse per lui, sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi, si voterebbe a scrutinio segreto, con buona pace di Grillo, Renzi e compagnia cantante. “Un Paese che piega le regole alle convenienze dà un pessimo esempio di sé” afferma il leader Udc in un’intervista al Mattino. “Spero non cambino in corso d’opera le regole, a tutela non di Berlusconi ma della serietà del Parlamento”. Casini è sicuro che qualunque sarà il destino del Cavaliere, questo non inficerà sul prosieguo della legislatura. “Il governo non si tocca perché la stabilità non è qualcosa  di cui l’Italia possa fare a meno”. Però, aggiunge, “poiché io sono una colomba in servizio permanente effettivo, mi sforzo anche di vedere le ragioni del Cavaliere e sicuramente è stato un errore che la giunta per le elezioni non abbia valutato i dubbi interpretativi della legge Severino”.

casini

Proporzionale alla tedesca – Per quanto riguarda la legge elettorale, Casini caldeggia un sistema “proporzionale alla tedesca che assicuri la necessaria flessibilità al sistema”. Giudizi negativi su Grillo e Renzi. Il primo “è il principe degli sfascisti di quelli che vogliono buttare a mare tutto senza preoccuparsi di tornare alle urne con la stessa legge elettorale che ha provocato questo scenario”. Il secondo “è un grandissimo venditore come lo è stato Berlusconi ma speriamo non sia la stessa cosa”.

Andrea Turco

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: