•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 5 settembre, 2014

articolo scritto da:

Scontro nel PD, interviene anche Bersani: “Con segretario-premier la discussione è inibita”

pier luigi bersani pd

Continua lo scontro interno al PD. Da un lato il premier e la cosiddetta ‘ala renziana’, dall’altro la minoranza uscita sconfitta dall’ultimo Congresso che fa riferimento a Bersani e D’Alema. Dopo il duro attacco dell’ex premier, è il precedessore di Renzi alla segreteria democratica a rincarare la dose.

NO AL SEGRETARIO-PREMIER – Pier Luigi Bersani è intervenuto alla festa PD a Roma Portuense, scagliandosi contro il doppio incarico di Matteo Renzi: “Quando il tuo segretario è capo del governo devi stare attento a quel che dici. La discussione è un pochino inibita. Su questo va aperta una riflessione larga entro la fine dell’anno”. Da Bersani critiche anche riguardo le riforme, passando dall’ironia sul Senato – “abbiamo dei senatori nominati. Va bene, si è deciso così e va bene; chiedo solo di capire se sarà ancora obbligatorio, nel Senato dei nominati regionali, portare la cravatta…” – alla durezza sulla legge elettorale: “Non c’è ragione di lasciare l’ultima parola a Verdini”.

DURA REAZIONE – Non si fa attendere la reazione dei renziani, che ovviamente puntano sulle difficoltà incontrate dal PD durante la gestione Bersani. Il senatore Andrea Marcucci su Twitter ricorda i traguardi del nuovo corso: “Memo per Bersani. Renzi ha portato il Pd al 41%, dal 25% raggiunto dalla precedente segreteria, la fine del bicameralismo perfetto è traguardo storico del centrosinistra”. Duro anche l’onorevole Ernesto Carbone: “Il problema non è il segretario premier, ma quello che non è diventato premier”. Che aggiunge: “Quelli che ci avevano parcheggiato al 25 si lamentano che qualcun altro li ha portati al 41”.

ANCORA D’ALEMA – Intanto Massimo D’Alema torna sulle sue dichiarazioni e sulle reazioni che esse hanno scatenato. Intervenendo alla Festa PD di Ravenna, l’ex premier dichiara: “Le risposte arrivate dai dirigenti del Pd confermano le mie preoccupazioni. Perchè se uno dice che è preoccupato perchè c’è la disoccupazione e la crisi economica non gli si può rispondere che vuole le poltrone, come mi son sentito dire”. Un D’Alema che si è dichiarato “piuttosto colpito dalla violenza, in qualche caso perfino dalla volgarità delle repliche”. Riguardo alle prese di posizione di Serracchiani, Guerini ed Orfini, l’ex premier dichiara: “Sono cose umilianti e che danno la sensazione di un fastidio verso il dibattito democratico… Non dovrebbe essere questo il modo di vivere in un grande partito popolare come il nostro”. L’ex premier è critico anche verso il bonus 80 euro: “Sono insufficienti a sbloccare i consumi. Sono un primo passo. Ma se si fermano a questo non bastano, c’è bisogno di una svolta più coraggiosa, sia a livello europeo sia a livello italiano”.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] del governo Renzi. Dopo le stoccate dell’ex premier D’Alema e dell’ex segretario Bersani e il rifiuto di Civati di entrare nella segreteria del partito, arrivano i commenti di altri […]