•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 24 settembre, 2014

articolo scritto da:

L’Isis, la Siria e i rischi per Obama

Gli Usa hanno avviato operazioni militari contro l’Isis in Siria. Non più solo l’Iraq, dunque: anche il territorio di Damasco diventa teatro di lotta per gli Usa e per i paesi arabi che sostengono l’azione americana. Obama l’aveva detto alla vigilia dell’11 settembre: “Inseguiremo i terroristi ovunque siano”. Anche in Siria, dove però i rischi di impantanarsi sono tanti.

Nelle scorse ore sulla Siria è volata la seconda ondata di attacchi aerei. Sarebbero stati colpiti due obiettivi dell’Isis a sud-ovest di Raqqa. Nel mirino anche un obiettivo in Iraq.

I vertici militari americani non vogliono ricadere negli stessi errori commessi in Afghanistan: i talebani avevano nel Pakistan un approdo sicuro dove ritirarsi e riorganizzarsi. Per l’Isis la situazione è simile: lo Stato Islamico ha conquistato gran parte dell’Iraq settentrionale ma le sue roccaforti sono in Siria, sono lì le sue radici ed è lì che deve essere colpito, sostengono da tempo analisti e militari. Ma farlo dal cielo potrebbe non essere sufficiente. L’inizio dei bombardamenti ha segnato quella che per il Time è un’escalation senza alcuna garanzia di successo: “Bombardare i miliziani fermerà la loro avanzata ma non li eliminerà”.

I raid aerei spingeranno quasi certamente i jihadisti in Siria a spostarsi nelle cittadine, nei villaggi, in mezzo alla popolazione, scommettendo sul fatto che gli Usa e gli alleati arabi non procederanno con bombardamenti altrettanto duri sui centri abitati. Oltre al rischio di un alto prezzo in termini di vite umane, questo scenario potrebbe impedire il raggiungimento di successi significativi. La strategia di Obama finirebbe in una situazione di stallo.

Obama

Photo by DVIDSHUBCC BY 2.0

Sul Guardian, Simon Jenkins ha scritto che l’obiettivo immediato è chiaro: fermare l’avanzata dell’Isis in Iraq e in Siria. Meno chiaro è l’obiettivo sulla lunga distanza, come cioè gli Usa intendono evitare che nel giro di pochi anni ci si ritrovi di nuovo in una situazione di caos e violenza. È la stessa preoccupazione espressa dal New York Times attraverso un editoriale: “Non c’è un quadro completo – perché Obama non lo ha fornito – su come i bombardamenti danneggeranno i gruppi estremisti senza innescare conseguenze impreviste in una regione violenta e instabile”.

Il portavoce del Pentagono, John Kirby, ha dichiarato che i raid “hanno avuto successo” ma sono “solo all’inizio”. Fonti siriane parlano di 120 jihadisti uccisi. La prima parte delle operazioni militari è stata condotta con raid aerei che hanno colpito obiettivi strategici come edifici, campi di addestramento, depositi. La seconda parte dei raid di solito è più complicata, ha sottolineato l’analista militare della CNN, Rick Francona: per essere condotta con efficacia necessita generalmente del supporto tecnico di personale a terra. Ma qui si apre uno dei capitoli più spinosi della strategia di Obama: chi opererà sul terreno.

Già qualche giorno fa i vertici militari americani avevano ipotizzato la necessità di portare sul terreno un piccolo numero di truppe americane mettendo a nudo frizioni con la Casa Bianca, che esclude l’invio di soldati americani. Ieri alla BBC l’ex premer britannico Tony Blair ha detto che “qualora si rendesse veramente necessario, non dovremmo escludere l’eventualità di utilizzare alcune forze speciali. L’esperienza ci insegna che se non ci si prepara adeguatamente a combattere contro questo tipo di soggetti sul terreno, si potrà riuscire sì a contenerli, ma non a sconfiggerli”.

Qualcosa di simile l’aveva scritto sul New York Times anche Ross Douthat, sottolineando che per sconfiggere l’Isis potrebbe non bastare l’impegno diretto di ribelli siriani armati dagli Usa. Il rischio per Washington è quello di dover intervenire energicamente (e più o meno direttamente) sullo scacchiere siriano.

Gli effetti dei primi raid aerei in Siria saranno analizzati passo passo dall’intelligence americana. In base ai risultati ottenuti si valuteranno i passi successivi. Al Congresso, il presidente Obama ha detto che per ora “non è possibile sapere quale sarà la durata” delle operazioni. Ma su questo nessuno si fa illusioni: ci vorrà del tempo.

Immagine in evidenza: photo by DVIDSHUBCC BY 2.0


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments

Trackbacks

  1. […] L’inizio delle operazioni militari in Siria contro le postazioni dell’Isis riporta in primo piano sulla scena internazionale il presidente Bashar al-Assad e il suo ruolo nel conflitto contro lo Stato Islamico. […]

  2. […] dedicano l’apertura al bombardamento americano sulle postazioni dell’Isis in Siria: “Stavano per colpire l’America” ha detto il presidente statunitense […]

  3. […] i centri nevralgici e i campi di addestramento, nella terza notte di raid aerei contro le postazioni dell’Isis in Siria e in Iraq le bombe sono cadute anche sulle raffinerie nelle mani dello Stato Islamico. L’azione militare […]

  4. […] l’avanzata dell’Isis nonostante i raid aerei riporta a galla il nodo irrisolto della presenza di soldati sul terreno. Un’ulteriore conferma, seppur indiretta, arriva dal fatto che negli ultimi giorni gli Usa hanno […]

  5. […] raid lanciati dagli Stati Uniti e dagli alleati siriani sulle postazioni jihadiste in Siria si sono rivelati inefficaci: l’Isis […]