•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 7 novembre, 2014

articolo scritto da:

Di Maio (M5S) al Pd: “Ora eleggiamo insieme il nuovo capo dello Stato”

Il sodalizio Pd-M5S che col voto di ieri, dopo la bellezza di venti fumate nere, ha mandato Silvana Sciarra alla Consulta, potrebbe essere la prova generale di qualcosa di molto più grosso. “Il mio invito è: il nuovo capo dello Stato eleggiamolo con lo stesso metodo, facciamolo scegliere ai cittadini. Il vero messaggio di oggi è la vittoria della democrazia diretta. Se il Pd avesse condiviso Gino Strada o Stefano Rodotà che Italia ci sarebbe ora?”, afferma Luigi Di Maio in un’intervista al Corriere della Sera.

I cinquestelle hanno votato la Sciarra per la Consulta e i democratici hanno appoggiato Alessio Zaccaria per il Csm. Uno schema che potrebbe funzionare anche in futuro per dare al Quirinale un nuovo inquilino. O per dare al Paese una nuova legge elettorale. “A luglio – prosegue Di Maio – i democratici non volevano ascoltarci, ora non so. Noi una legge elettorale ce l’abbiamo, il Consultellum, che è il risultato di una votazione condivisa sulla Rete tra migliaia di persone. Il Pd oggi ne ha fatta una buona, magari può farne un’altra…”. Ed è stata proprio la rete a benedire l’apertura al Pd: il nome della Sciarra, nel corso della consultazione online, ha catalizzato l’88% dei voti.

di maio

Alla questione Italicum, fa sapere Di Maio, il M5S non è interessato. Intanto, il Pd lavora per incardinare in Senato il testo della legge elettorale, che è atteso sui banchi di Palazzo Madama per la settimana prossima. La fruttuosa seduta di ieri ha dimostrato che il Patto del Nazareno è sempre più claudicante e che una strada alternativa è possibile. “Il Patto del Nazareno scricchiola, altro che”, ha ammesso lo stesso Renzi durante la cena di finanziamento del Pd svoltasi ieri. “Se Forza Italia si tira indietro noi andremo avanti lo stesso”, gli fa eco Maria Elena Boschi.

L’inedita intesa tra Pd e Movimento Cinque Stelle ha indispettito non poco il partito di Berlusconi, rimasto col cerino acceso in mano dopo la bocciatura di Stefania Bariatti, la candidata “azzurra” alla Consulta. Dalle parti di Piazza San Lorenzo in Lucina, i berluscones hanno snasato la brutta aria che tira e ora temono il benservito da parte di Renzi. “Non accettiamo ricatti, se il governo intende rompere i patti lo dica”, ha tuonato Giovanni Toti. Ma saranno i prossimi eventi a chiarire se il tandem Pd-Cinque Stelle sul voto di ieri abbia rappresentato un semplice fuoco di paglia o, come qualcuno vocifera, l’alba di una nuova maggioranza.

Antonio Atte

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] Maio si è infatti subito premurato di sottolineare come, se il PD tenesse il giusto atteggiamento, l’accordo potrebbe allargarsi anche per il nuovo presidente della Repubblica.  Non giriamoci intorno: se veramente dem e M5S convergessero sul successore  di Napolitano la […]

  2. […] Rincara la dose Roberto Giachetti, dem renziano della prima ora: “L’accordo con i Cinque Stelle oramai si imponeva sia per ragioni di metodo che per ragioni matematiche. Ma ora, con intelligenza e senza dimenticare che loro restano forza di opposizione, si possono verificare intese su tutte le questioni istituzionali: legge elettorale e in prospettiva anche per elezione del Capo dello Stato”, sul quale i pentastellati chiedono l’elezione diretta dei cittadini a suffragio universale. Il tema dell’elezione del Capo dello Stato è stata oggetto anche di un intervento dell’esponente del MoVimento 5 Stelle Luigi Di Maio. […]

  3. […] riferimento alle possibili convergenze tra Pd e M5S, come ipotizzato dal vicepresidente della Camera ed esponente grillino, Luigi Di Maio pochi giorni fa. Il sottosegretario Graziano Delrio però si appresta a dire che sull’elezione del successore […]