•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 11 novembre, 2014

articolo scritto da:

Accordo sul nucleare tra Russia e Iran

iran russia

Russia e Iran hanno raggiunto l’accordo per la costruzione di 8 unità nucleari in Iran: a riferirlo l’agenzia di stampa russa Itar-TASS. La Russia produrrà inoltre il combustibile necessario ad alimentarle. Mosca si farà carico anche del ritrattamento e dello stoccaggio del materiale combustibile esaurito. Il contratto firmato tra i due paesi prevede la costruzione di una seconda linea di reattori nella centrale iraniana di Bushehr: di due è già stata prevista la costruzione ma alla fine potrebbero esserne costruiti in tutto 4 nell’unica centrale iraniana pienamente in funzione.

Il Capo dell’agenzia nucleare iraniana Ali Akbar Salehi ha firmato insieme a Serghei Kiriyenko, presidente della corporation statale russa Rosatom, un impegno a cominciare la costruzione delle due prime unità (da 1000 MWt ciascuna) nel marzo 2014. La costruzione di nuove centrali nucleari inizierà, invece, nel marzo 2015.

Stallo a Mascate

Intanto si allontana la possibilità di raggiungere un accordo a Mascate, capitale dell’Oman, dove al momento il gruppo dei 5+1 (i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’ONU più la Germania) e Teheran  stanno trattando sul programma nucleare iraniano.

Il termine ultimo per raggiungere un’intesa è stato fissato per il 24 novembre. Dal Dipartimento di Stato Usa si dicono ottimisti sul raggiungimento di un accordo perché “c’è ancora tempo”. Anche Abbas Araghchi, vice ministro degli Esteri iraniano, è dello stesso avviso “anche se non ci sono stati progressi nei negoziati”.

Lo stallo è dovuto alla discordanza delle posizioni sulla quantità di uranio che Teheran sarebbe autorizzata ad arricchire per scopi civili, il ritiro delle sanzioni internazionali e la stessa durata che l’accordo dovrebbe avere.

iran russia teheran mosca kerry

La posizione di Teheran

Nonostante la sfiducia palpabile nei confronti di Teheran, l’Iran sta puntando a ottenere il massimo: totale dismissione delle sanzioni internazionali (l’Occidente vuole ottenere un “rilascio graduale”) e durata dell’accordo di 5 anni (le controparti spingono per almeno il doppio della durata).

L’inflessibilità occidentale

Frank-Walter Steinmaier, ministro degli Esteri tedesco, riferendosi alle trattative in corso, ha detto che l’Occidente sta affrontando un momento di “make-or-break”. Il Segretario di Stato americano John Kerry, a quanto pare, sta affrontando il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Zarif con tono “duro, diretto e grave”, riferisce un alto rappresentante del Dipartimento di Stato Usa, che ha preferito restare anonimo, citato dal The Washington Post.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments

Trackbacks

  1. […] al Congresso in mano ai Repubblicani. Probabilmente Obama aspetta di risolvere a suo favore i negoziati sul nucleare iraniano prima di detronizzare Nethanyahu, forte in patria ma isolato sul fronte internazionale, appoggiando […]

  2. […] di Teheran. A Vienna si svolgerà l’ultimo tratto della maratona negoziale in merito. Dopo i colloqui in Oman, martedì toccherà alla capitale austriaca accogliere i leader mondiali coinvolti nelle […]