•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 25 luglio, 2015

articolo scritto da:

Renzi e Maurizio Landini, battutine al vetriolo alla firma per l’ex-indesit

MAurizio Landini, sondaggi elettorali

Renzi e Maurizio Landini, battutine al vetriolo alla firma per l’ex-indesit

L’occasione era molto seria, la chiusura, finalmente, della vertenza tra Indesit-Whirpool e i sindacati, con la mediazione del ministero dello Sviluppo.

Whirpool completerà in due anni l’integrazione con Indesit, diminuendo però i tagli previsti lo scorso aprile che erano giunti come un fulmine ciel sereno per i dipendenti dell’azienda che già, prima dell’acquisizione dalla multinazionale americana, aveva stretto un accordo che prevedeva 940 esuberi, saliti poi a 1335, e infine a 1750, contando l’assunzione di 280 persone a Varese.

Il grosso dei tagli, oltre che su uno stabilimento di Fabriano e sul centro ricerche di Torino, era concentrato a Carinaro, in provincia di Caserta, il cui stabilimento di 800 persone era stato destinato alla chiusura.

Già a giugno si era riusciti a salvare almeno metà di questi operai, offrendo scivoli, incentivi al trasferimento, e prepensionamento agli altri 400, e ora c’è stato l’accordo completo, che prevede anche l’assunzione di 400 persone in Lombardia, un investimento di 513 milioni in 4 anni e una maggiore valorizzazione del Sud, in cui sarà gestita la componentistica, rispetto al piano originale.

Vi erano proprio tutti alla firma a Palazzo Chigi, non solo l’azienda, Renzi, il ministro dello sviluppo Guidi, ma anche i leader sindacali, in particolare  i segretari della Fiom Maurizio Landini, della Fim-Cisl Marco Bentivogli, della Uilm Rocco Palombello e dell’Ugl metalmeccanici Antonio Spera.

Maurizio Landini, tweet di Renzi sugli accordi Indesit Whirpool

Renzi a Maurizio Landini: “Maurizio siediti, non brucia”

Maurizio Landini da tempo è impegnato nella costruzione di un movimento alla sinistra del PD, i cui contorni non sono ancora chiari, non volendo essere un partito vero e proprio, ma certo le cui posizioni sono esplicitamente opposte a quelle liberal di Matteo Renzi.

MAurizio Landini foo in un comizio con maglione rosso

E probabilmente proprio questi contrasti politici sono alla base del siparietto provocato da Renzi, che al momento della firma dell’accordo si è messo a prendere in giro Maurizio Landini chiedendogli di sedersi (stava firmando in piedi) e aggungendo che “la poltrona non brucia” e “è più forte di lui, non riesce a sedersi a Palazzo Chigi”.

Al momento, immediatamente successivo, della firma dei rappresentanti dei metalmeccanici di CISL e UIL Renzi ha ironizzato sul fatto che questi ultimi non indossassero la cravatta, mentre Landini, più radicale, sì.

Maurizio Landini è rimasto indifferente e forse vagamente infastidito dalle battute e non ha reagito.

 

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: