•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 10 maggio, 2012

articolo scritto da:

Belgrado senza lustracija. Da Milošević a Dačić, andata e ritorno dei socialisti serbi

SR_dacic-bilbord

Per capire meglio che cosa si va a votare domenica 6 maggio in Serbia, partiamo da qualcosa che appare ormai molto lontano: il sito web dell’ICTY, il Tribunale Criminale Internazionale per l’ex Jugoslavia. Cerchiamo la scheda di un imputato, Vojislav Šešelj. Accusato dei seguenti crimini: persecuzione su basi politiche, razziali o religiose, deportazione, atti inumani (trasferimento forzato) – (crimini contro l’umanità); assassinio, tortura, trattamento crudele, distruzione ingiustificata di villaggi, o devastazione non giustificata da necessità militari, distruzione o danno intenzionale arrecato a istituzioni religiose o educative, saccheggio di proprietà pubblica o privata – (violazione di leggi o usi di guerra). Su questi capi d’accusa è fondato il Partito Radicale Serbo, da cui nel 2008 i fuoriusciti di Tomislav “Toma” Nikolić hanno creato il Partito Progressista Serbo, l’attuale primo oppositore del Partito Democratico di governo, dato favoritosu Tadić alle presidenziali – e facilmente anche alle legislative.

belgrado

Famoso resta il caso di Nataša Kandić, attivista di spicco per i diritti umani in Serbia, che nel 2005 accusò Nikolić di avere, ai tempi della guerra, nel 1991, ucciso due anziani ad Antin, nella Slavonia croata.
[ad]Condannata nel 2009 a risarcire Nikolić di 2000 euro per diffamazione, vinse in appello. Nikolić aveva ammesso di essere effettivamente stato lì in quel periodo, ma che da quelle parti non morì proprio nessuno, e lui non sparò mai un colpo. Eppure, proprio in quegli anni, lo stesso Šešelj sapeva elogiare Nikolić in quanto dimostrava “col suo personale esempio come si combatte per l’ideale serbo”. A molti questa apparirà oggi archeologia politica (o bellica), ma quando si tratta di bagni di sangue, il semplice passare del tempo non può essere di per sè sufficiente a purgare ogni male. Ed in fondo, la tanto decantata “svolta” progressista non è certo avvenuta quindici, ma quattro anni fa. Quattro anni fa ancora il Partito Radicale Serbo era unito, i progressisti portavano spille sui baveri con l’immagine di Šešelj, presidente di partito ed eroe serbo, almeno tanto eroico quanto Ratko Mladić, che il vicepresidente del Partito Progressista Serbo, Aleksandar Vučić (altro fuoriscito prezzolato dei Radicali), definiva eroe, e con la cui targa nel 2007 ribatezzava gloriosamente il viale “Zoran Djindjić” di Novi Beograd in viale “Ratko Mladić”. Ma se anche il 2007 fosse lontano, solo ad aprile 2012 Jorgovanka Tabaković, esponente di spicco del partito di Toma Nikolić, anch’essa – inutile dirlo – ex Radicale, ha dichiarato che Mladić è “un onesto soldato serbo, e con ciò un eroe”, aggiungendo che “quando avranno constatato e dimostrato che è un criminale, e qualcuno mi convincerà di ciò, io forse cambierò la mia opinione”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments