•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 marzo, 2013

articolo scritto da:

Grillo e il Costa Rica qualcosa non torna

baia di papayago costa rica

[ad]Grillo ed il Costa Rica. Soffocata tra le manifestazioni del PdL davanti al Tribunale di Milano e il Conclave, forse messa in sordina anche per via dei contatti in corso tra i parlamentari del centrosinistra e quelle del MoVimento 5 Stelle che lasciano aperti spiragli per un possibile accordo alle Camere, l’inchiesta targata L’Espresso che vede come protagonista l’autista e angelo custode [cit.] di Beppe Grillo, Walter Vezzoli, e le sue società costaricane è sicuramente una delle indagini più calde del momento.

Sostanzialmente, ricostruiscono gli autori dell’inchiesta intitolata Grillo, l’autista e la cognata, Vezzoli, insieme alla cognata di Grillo Nadereh Tadjik, ha aperto tredici società in Costa Rica, di cui quattro in forma di sociedad anonima, ciascuna con capitale di 10.000 $, tra il 2004 ed il 2007. Dall’inchiesta non sono emersi elementi che lascino pensare a eventi di natura illegale.

Le società sono dormienti ma ancora attive, compresa la società Armonia Parvin (nome della moglie Grillo), e soprattutto la società Ecofeudo (di cui L’Espresso riporta l’atto costitutivo), ovvero il progetto di un resort extralusso ecosostenibile sulle colline della baia di Papagayo che tanto scalpore ha suscitato proprio per l’accostamento di un nome fortemente legato al mondo ambientalista come quello di Grillo con l’idea di un villaggio vacanze – per quanto ecosostenibile – in un ambiente incontaminato, che tanto assomiglia a quelle speculazioni edilizie contro cui il M5S si batte.

Il dettaglio dei bunker antiatomici, in un momento in cui tra microchip e scie chimiche alcuni degli eletti del M5S hanno inopportunamente legato il proprio nome ad alcune tra le più note teorie complottiste e sono anche stati ripresi i pensieri di Casaleggio circa una nuova guerra mondiale entro la fine del decennio, ha poi letteralmente mandato in un brodo di giuggiole i detrattori del MoVimento. Nessuna implicazione legale, solo una macchia sull’immagine del comico genovese, ma in una società mediatizzata il danno può essere lo stesso.

Gli sviluppi futuri dell’inchiesta sveleranno se si tratta di una bolla di sapone oppure se vi sono retroscena più oscuri, ma è particolarmente interessante osservare il modo in cui Grillo e suoi alleati nel mondo dell’informazione hanno deciso di ribattere alle accuse mosse loro.

Ad oggi si contano tre documenti ufficiali in cui viene affrontato l’argomento:

Quali sono, in ultima analisi, le argomentazioni utilizzate da Grillo?

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

16 comments
Michele Scolari
Michele Scolari

Per chi ripete "evidentemente non avete letto il Fatto di oggi". Io non leggo il Fatto, punto. Non leggo un giornale che spacca il capello a tutti tranne che a Casaleggio e Grillo. Non leggo un giornale che, a parte scandali e inchieste bollenti, non imposta anche un discorso propositivo e concreto su temi urgentissimi, tra cui contratti, pensioni, salari, lavoro, welfare, ecc. Non leggo un giornale che, come aveva lamentato anche un suo (ora ex) giornalista (Luca Telese) si è un campione nel decostruire tutto ma non nel costruire un punto di vista, una prospettiva. Tradotto: non leggo un giornale che punta tutto sulla "pars destruens" senza preoccuparsi di quella "costruens". Non amo la satira, amo l'ironia. La satira è pesante e si limita a smontare, l'ironia è leggera ed è costruttiva. Sfortunatamente Travaglio e Grillo fanno parte del primo caso... Absit iniuria verbo meo et valete

Minnie Moon
Minnie Moon

Grillo sarà anche un po' demagogo, e io non ho votato il M5S, ma anche questo articolo non è da meno; soprattutto leggendo i commenti dei lettori, appare chiaro che alcune informazioni sono errate (l'errore della divisa monetaria che trasforma 15.000 euro in 130.000 è da dilettanti), o carenti (la wikipedia spagnola citata solo parzialmente, omettendo la parte sulle srl). Inoltre i toni apocalittici e le supposizioni del tutto non confermate dai fatti (è una mera supposizione che dietro a quell'investimento ci sia Grillo, il quale non controlla la mente del suo autista e quindi poteva anche esserne all'oscuro, mentre i soldi potevano arrivare da altri, perché in Italia non ce li ha solo lui) rendono il tutto un po' vuoto e inutile. E' ovvio che questa notizia passi in sordina rispetto ad altre ben più gravi, o mi volete dire che le speculazioni di 15.000 euro dell'autista di Grillo in Costa Rica hanno lo stesso peso dei 3.000.000 di euro che Berlusconi pare abbia dato a De Gregorio per fargli cambiare la seggiola in parlamento e far cadere il governo Prodi? Davvero? Bah, il giornalismo in Italia purtroppo ancora non funziona, non sono i media che decidono chi deve governare il Paese, ma è il voto degli elettori, perché questa è una democrazia, non un'oligarchia dei mezzi di comunicazione. Quindi cari giornalisti mettetevi l'anima in pace, lo sappiamo che Grillo non vi piace perché vi snobba, ma se con la BBC parla e con voi no, in fondo qualche buona ragione ce l'ha e voi gliela servite su un piatto d'argento. Peccato, perché a me Termometro Politico piace molto, mi sono iscritta e leggo con attenzione, ma stavolta ragazzi avete toppato, e ve lo dico con tutta l'imparzialità del mondo, visto che io ho votato Vendola e non Grillo, come già detto. E, come è giusto, mi inchinerò alla volontà del voto e mi sforzerò di capire le ragioni che stanno dietro alla scelta dell'elettorato, invece di limitarmi a puntare il dito e condannare. Voi, perfavore, cercate di liberarvi dal giogo della banalità del male, e se proprio volete approfondire questa vicenda, che comunque appare di scarso interesse, ben sapendo che Grillo non è in parlamento e quasi certamente neanche al governo (e quindi chissenefrega di cosa fa con il suo autista), allora mandate un inviato in Costa Rica, scavate a fondo, trovate delle carte o qualcuno disposto a raccontare come stanno le cose, insomma cercate delle fonti e delle prove concrete. E se non trovate niente, lasciate perdere. Noi lettori siamo stufi del sensazionalismo fine a se stesso, forse sarà anche per questo che tanta gente ha votato Grillo?

stefano
stefano

Veramente un'inchiesta scottante! Altro che MPS. Ma c'è ancora dell'altro. Pare che il cugino del cognato del commercialista di Grillo abbia un chiosco abusivo che vende gelati nello Zinbabwe. Quando la notizia salterà fuori sarà la fine per il movimento 5 stelle. Io la dritta ve l'ho data...

piero malenotti
piero malenotti

Il vero problema è con quali risorse uno che di professione fa l'autista avrebbe potuto costruire un residence extralusso. A me sembra evidente che si tratta di prestanomi e che l'affare interessava a qualcune altro che le risorse ce l'ha... grillo appunto !!

nextime
nextime

In ogni caso, a seguito della ratifica da parte del Costarica della "Convenzione sulla reciproca assistenza amministrativa in materia fiscale", qualunque Paese dell'OCSE potrà richiedere informazioni tributarie e legali di imprese e persone residenti nel Paese. Ne consegue che i giornalisti de L'Espresso hanno sin da ora accesso a tutti i dati fiscali e tributari relativi alle 13 società riferibili al Sig. Vezzoli e possono liberamente proseguire l'opera di indagine che, ad oggi, pare appena accennata.

nextime
nextime

Se aveste citato anche il resto dell'articolo su CV Firm, avreste informato correttamente che in Costarica anche la SRL non permette di conoscerne i soci "occulti" in maniera immediata. infatti dice: "El S. R. Sea L. una clase de la corporación que es supuesta tener sólo unos pocos socios y sus acciones son de no ser negociados en el mercado de valores. Por lo tanto, no hay la necesidad para una Junta Directiva y no hay necesidad para un Auditor. ("Fiscal"). La Corporación tendrá sólo uno o más Directores, con los Poderes y la representación que los socios decidieron. La administración de esta corporación es supuesta ser más fácil que en un S. A. (Pero cuando usted sólo tiene a un par de socio, virtualmente no hay demasiado diferencia en considera tal administración). Otra vez, los nombres de los accionistas no están en un registro público, así, para el público, es casi imposible saber quién es los socios. Sin embargo, habrá un registro privado que muestra que es los socios, así, si un Juez requiere información, puede ser posible saber en el proceso que es el socio." Quindi, "Anche in questo caso, i nomi degli azionisti non sono record di pubblico dominio, ed è quasi impossibile sapere chi sono i membri" In definitiva chiunque apra una società in Costarica (anche i "Costaricani") si trovano a dover aprire una società dove gli EVENTUALI soci occulti non sono immediatamente identificabili, ma solo attraverso un atto giudiziario in presenza di un'indagine. Ne consegue che l'argomentazione "Vezzoli ha aperto delle SA perché voleva nascondere il nome del vero azionista, cioè Grillo" è inconsistente.

anonimo
anonimo

Evidentemente non avete letto Il Fatto di oggi. I 130 mila dollari sono un dato falso. solo due società sono state aperte con capitale in dollari le altre 11 sono state aperte con 10 mila colòn a testa per un totale complessivo per le 13 società di, udite udite, 15.500 euro. Seconda cosa non c'è al momento nessun dato che faccia anche solo sospettare che i soldi investiti in Costa Rica dal Vezzoli siano in alcun modo riconducibili a Grillo. Per finire bisogna constatare che la casa in cui Vezzoli risiedeva in Costa Rica è stata comprata attraverso l'accensione di un mutuo, strano che un prestanome accenda un mutuo per comprare una dal valore di 140 mila dollari (poco più di 100 mila euro), casa che poteva benissimo essere pagata dal milionario Grillo, no? Strano soprattutto se poi risulta che non riesca a pagare il mutuo (grave delitto) e che la casa venga pignorata e messa all'asta. Buco nell'acqua anche questa volta.

alessandro
alessandro

Travaglio gli sconti li fa non solo a Grillo e Casaleggio ma soprattutto a Di Pietro di cui ha tollerato l'affossamento della commissione di inchiesta sui fatti di Genova,il voto negativo con Lega e Pdl contro le pene alternative,l'occultamento delle prove della compravendita di parlamentari da parte di Berlusconi.ora facciamo un gioco di società :proviamo a scrivere un articolo in travagliese attribuendo uno dei tre fatti a Dalema .

gianluigi
gianluigi

caro/a minnie moon, io non dico per chi ho votato perché mi sembra assolutamente superfluo. Quel che conta, come ha giustissimamente detto lei, è capire le ragioni che stanno dietro alla scelta dell’elettorato; in proposito le cito una riflessione di Michele Ciliberto (cosa c'è dietro Grillo, l'Unità 13/3) che affronta proprio questo problema. Se lo legge (non è semplicissimo) forse si renderà conto che dire che "il giornalismo italiano non funzioni" non è proprio del tutto azzecato; certo, Ciliberto non è giornalista, ma, in tutta franchezza, le dico che preferisco scervellarmi su un contributo di questo genere sull'Unità (ad es.) che non leggere il blog di Grillo...per fare 1 esempio. E aggiungo che i commenti a questo articolo (di orientamento abbastanza chiaro) non mi sono sembrati del tutto all'altezza (qualcuno si è meravigliato che fosse apparso su un organo del PD!!??!?!?!). Io non sarei così categorico nello squalificare i giornalisti e concludere così frettolosamente sul perchè grillo preferisce la BBC; pensa che il giornalismo della BBC sia così altamente qualificato? Forse è meglio applicare il metodo della riflessione anche su questo. Quindi dissento dal modo sbrigativo con cui lei lancia la sua generale critica ai giornalisti; anzi, le dico: meno male che ci sono e che continuino ad esercitare la loro sorveglianza...non si preoccupi, quelli più scadenti si autoelimineranno... Venendo alla presente analisi, confesso che non sono riuscito a trovare toni apocalittici; piuttosto mi pare siano state riportate ulteriori informazioni riguardo alla vicenda. Sono sbagliate? c'è tutto lo spazio per controbattere (civilmente). Se un inchiesta è una ciofeca, non dubiti che sparirà, ma io mi allarmerei che non se ne facessero. Quando è in atto una Rivoluzione definita Culturale (qualcuno mi spiegasse quali sono quelle nn culturali) io sarei più convinto della sua autenticità se si dovessero sfumare i suoi catalizzatori (Grillo e Casaleggio); per ora non mi pare che ne abbiano l'intenzione...e ciò è (a mio parere) una sfiducia verso il movimento stesso. Come ben argomenta Ciliberto, il movimento è altra cosa da Grillo, anche se questi ne è stato il punto di aggregazione. Per cercare di capire il perché di questa indagine: lei ha provato a cliccare sul sito dell'Ecofeudo? Ha visto i 2 videoclip della Csasaleggio & Associati? Beh! le dico francamente che, intanto che rifletto su cosa c'è dietro al movimento (sotto il profilo sociale) non mi dispiace che qualcuno cerchi di verificare cosa c'è dietro a Grillo, Casaleggio e quanti altri (che non sono il movimento). cordialità

Matteo Patané
Matteo Patané

Buongiorno, credo che lei confonda un articolo di inchiesta - come può essere stato quello de L'Espresso - con uno di commento e analisi. Non è compito nostro né rientra nelle nostre possibilità capire la verità dietro gli investimenti di Vezzoli in Costa Rica. È al contrario di nostro interesse osservare le risposte di Grillo sul tema e valutarne l'efficacia. Un'efficacia a parere di chi scrive piuttosto dubbia - al netto dell'informazione del Fatto Quotidiano relativa al capitale sociale purtroppo non ancora uscita al momento della scrittura del presente articolo.

gianluigi
gianluigi

chi ha la coscienza a posto può far la rivoluzione e dormire tranquillo...direbbe Edgar Morin; non si dovrebbe curare di indagini inconsistenti (dico io)...invece, chi teme qualcosa....

Matteo Patané
Matteo Patané

Buongiorno, mi preme rispondere alla sua osservazione su questo tema. Quanto lei qui scrive sarebbe vero nel momento in cui S.A. e S.R.L. fossero le uniche forme societarie previste in Costa Rica, ovvero se non esistessero in tale Paese forme societarie che obbligano a tenere un registro pubblico degli azionisti e soprattutto un registro delle transazioni azionarie. Così non è. L'articolo da me citato si limitava a citare le differenze tra due forme societarie molto simili a beneficio di eventuali investitori, di certo non intendeva fornire una descrizione esaustiva del panorama societario del Costa Rica.

antoniof72
antoniof72

E certo ... ci costruisci un resort extralusso ecosostenibile sulle colline della baia di Papagayo con 15.500 euro, no??? e poi perche' li'? in un paradiso fiscale e un paradiso ecologico che verrbbe distrutto per mandare in vacanza i ricconi??? .. Sembrate i SSocialisti di Craxi!.

Alex
Alex

Veramente nopn è stato costruito ancora nulla. Per il momento esiste solo il sito web.

gianluigi
gianluigi

...che però mi sembra un po' (si fa per dire) allucinante...