•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 marzo, 2013

articolo scritto da:

L’Europa salva Cipro ma affonda se stessa

cipro2

La settimana comincia malissimo per l’Europa: nel corso della notte fra venerdì e sabato Unione Europea, BCE e e Fondo monetario internazionale da un lato e Cipro dall’altro hanno raggiunto un accordo per il salvataggio dell’isola (o meglio della metà greca riconosciuta internazionalmente).

[ad]L’accordo prevede lo sblocco di 10 miliardi di aiuti in cambio di nuove tasse, come da copione: tra esse però troviamo anche un prelievo forzoso dai conti correnti delle banche cipriota. Questa misura è importante per più di una ragione: in primo luogo Cipro è ritenuta una base del riciclaggio di denaro sporco di provenienza mafiosa, in particolare russa. Dato che la finanza è un settore particolarmente rilevante dell’economia cipriota e che il salvataggio serve a evitare che il collasso del sistema bancario dell’isola si ripercuota su quello europeo, l’Unione Europea ha ritenuto fondamentale che partecipasse al salvataggio anche la clientela non sempre pulita di tali banche.

Peccato però che in questo modo si crei un pericoloso precedente, visto che l’inevitabile congelamento dei conti correnti ciprioti colpisce irrimediabilmente il principio della libera circolazione dei capitali nella UE. Questo significa che nel caso di nuovi salvataggi la Troika potrebbe chiedere al Paese da salvare di applicare una misura simile.

Il pensiero vola subito all’Italia, nei giorni scorsi già avvisata dai giornali tedeschi di essere un po’ troppo ricca per essere salvata da altri che non se stessa. È evidente quindi che se l’Italia non vuole fare la fine di Cipro ed essere costretta ad una mega patrimoniale, deve porre fine in fretta al teatrino e dotarsi presto di un governo presentabile.

L’agenda macroeconomica della settimana prevede per martedì la produzione industriale italiana: essa è attesa in ribasso su base mensile dello 0,3%. L’indice ZEW che misura il sentiment degli investitori istituzionali tedeschi dovrebbe subire un calo frazionale da 48,2 a 48. Negli USA i nuovi cantieri residenziali e i nuovi permessi di costruzione dovrebbero risultare in aumento.

Mercoledì andranno in asta Bund tedeschi a 10 anni, mentre in serata la Federal Reserve annuncerà le conclusioni del suo meeting a proposito della politica monetaria.

Giovedì conosceremo le consuete nuove richieste di sussidi di disoccupazione da parte dei cittadini statunitensi, previste in aumento, ma sempre sotto le 350 mila unità. Le vendite di case esistenti dovrebbero toccare le cinque milioni di unità, in lieve aumento.

Venerdì infine conosceremo l’indice che misura la fiducia delle aziende tedesche: il dato dovrebbe essere sostanzialmente stabile.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Maria Vittoria
Maria Vittoria

è l'Europa a dover crescere diventando una Federazione Politica di Regioni e inglobando tutta l'area del Mediterraneo diventando un paradiso fiscale per il resto del mondo. E questo non per poca moralità ma per poche risorse prime, un costo troppo alto del lavoro e della vita, e un patrimonio di valore incalcolabile ma improduttivo e costoso da conservare. EUROPA ALMA MATER