•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 marzo, 2013

articolo scritto da:

Berlusconi e la battaglia per il Quirinale

Berlusconi e napolitano

[ad]La piazza ed il Quirinale. Per Berlusconi l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica è la sfida chiave. Oggi riferendosi alla sinistra ha detto “se votano uno di loro è battaglia ovunque”. Perché dopo l’elezione dei presidenti delle Camere avvenuta sabato e la possibile formazione del Governo c’è da votare l’elezione del successore di Napolitano il cui settennato termina il 15 Maggio. Ma al contrario delle altre cariche la sua durata è di 7 anni e prescinde dalla data e dall’esito delle prossime elezioni.

Berlusconi ed il centrodestra preannunciano battaglia. In particolare Berlusconi ha sempre lamentato la presenza al Colle di “personalità vicine al centrosinistra (il riferimento è agli ultimi tre presidenti) ostili al centrodestra “. Motivo per cui da settimane parla della possibilità che diventi capo dello Stato e possa rappresentare l’Unità nazionale un “moderato“. Si intuisce che Berlusconi abbia idee chiare sui nomi da proporre.

L’elezione del Presidente della Repubblica

Per garantire un consenso il più possibile esteso intorno a un’istituzione di garanzia, nelle prime tre votazioni è necessaria l’approvazione dei 2/3 dell’assemblea (maggioranza qualificata); per le votazioni successive è sufficiente la maggioranza assoluta. La carica dura sette anni, ciò impedisce che un Presidente possa essere rieletto dalle stesse Camere, che hanno mandato quinquennale, e contribuisce a svincolarlo da eccessivi legami politici con l’organo che lo vota. Sabato, nell’elezione di Piero Grasso a presidente del Senato, alcuni senatori del Movimento 5 Stelle hanno votato il nome proposto dal centrosinistra.

Il precedente di sabato deve aver allarmato Berlusconi. Così da indurlo ad alzare i toni. Fino a dichiarare che “nel caso in cui il centrosinistra elegga un suo rappresentante alla presidenza della Repubblica dopo Giorgio Napolitano, il Pdl dovrà fare una dura opposizione sia in Parlamento che nelle piazze”.

Il Popolo della Libertà oggi ha scelto i prossimi capigruppo: Renato Brunetta alla Camera e Renato Schifani al Senato.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

4 Commenti

  1. cantonenordovest ha scritto:

    Vuole mettere un suo dipendente per poi farsi nominare senatore a vita e assicurarsi l’immunità vitalizia

  2. DeWitte ha scritto:

    L’unico uomo presentabile di Destra era Mario Monti, che ha deciso di fare il leader di partito.
    Di altri “moderati” nel PDL non se ne vedono molti. Chi mettiamo?
    Brunetta, Gasparri, Bondi?

  3. salvatore ha scritto:

    Ci sarebbe Bossi,come chi? il Bossi della Lega.

  4. leo cusseau ha scritto:

    Lui penserà certamente a Gianni Letta, “eminenza grigia” del centrodestra, gradito in molti ambiti “moderati”. Ma la linea di Bersani, orientata a sparigliare le carte per giocare sul campo grillino del rinnovamento, non pare lasciare spazio a nomi del genere. Per fortuna, direi. Ma vedremo. Credo la Bonino sarebbe una candidata forte, ma certo non gradita a Berlusconi. (Il quale d’altra parte gioca una sua partita personale, come e più di sempre)

Lascia un commento