•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 giugno, 2013

articolo scritto da:

Sentenza Ruby, nessun rischio per il Governo. Per ora

grillo senato berlusconi ineleggibile

Il 533 fa sempre male, a chiunque tocchi. Per i non giuristi, si tratta dell’articolo del codice di procedura penale in base al quale un qualunque giudice di questo paese condanna un imputato qualunque, a prescindere dal nome che porta e dal ruolo che ha nella società. Avrà fatto male, dunque – non c’è da stupirsi – anche a Silvio Berlusconi, dopo la sentenza emessa lunedì pomeriggio in primo grado dal Tribunale di Milano. Questo intervento non ha minimamente lo scopo di commentare quella sentenza (non sarebbe educato farlo e, soprattutto, sarebbe poco saggio, non disponendo ancora delle motivazioni dei giudici); è più che lecito, invece, chiedersi se la condanna rischi di colpire anche il “governo di servizio” guidato da Enrico Letta oppure se la sopravvivenza dell’esecutivo sia al sicuro.

Prima di tutto, una riflessione giuridica è d’obbligo, visto che le urla di giubilo da una parte e quelle di indignazione e rabbia dall’altra stanno facendo passare in secondo piano un “dettaglio” non trascurabile: trattandosi di sentenza non definitiva (dunque non irrevocabile), la condanna non è esecutiva, cosa che vale tanto per la pena detentiva (che comunque Berlusconi non potrebbe scontare in carcere, vista l’età), quanto soprattutto per la pena accessoria dell’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Chiunque avesse stappato una bottiglia o si fosse stracciato le vesti pensando di non poter più vedere Berlusconi candidato a qualunque tipo di elezione, si (ri)guardi l’articolo 650 del codice di procedura penale e si calmi; ciò detto, torniamo ai riflessi politici della sentenza.

[ad]Le cronache delle ultime 36 ore ci consegnano un Pdl iracondo, soprattutto per mano degli esponenti qualificabili come “falchi”; nulla di più o di diverso rispetto a quanto è accaduto in questi anni. Il punto è capire se questo avvenimento, unito alla decisione della Corte costituzionale sul conflitto di attribuzioni a proposito del legittimo impedimento e (forse) alla sentenza della Cassazione sul risarcimento legato alla vicenda “lodo Mondadori”, provocherà sconquassi nel governo o addirittura la sua fine decisamente prematura nel giro di poche settimane. Quest’ultima eventualità, a dire il vero, sembra la meno probabile: in fondo, nessuno ha chiesto di staccare la spina ora all’esecutivo di Letta (l’hanno solo paventato da sinistra), anche perché una vera convenienza a votare ora non c’è. Certo, il Pdl potrebbe fare leva sull’effetto “persecuzione”, sperando di trasformare in consenso i numerosi eventi negativi sul fronte giudiziario: negli anni, del resto è già accaduto. Lo stesso partito tuttavia non avrà dimenticato i risultati delle ultime elezioni amministrative (pur con tutte le preoccupazioni con cui vanno considerati) e non è affatto detto che ci sia la voglia di affrontare un’altra campagna elettorale (costi compresi, un argomento che nessuna forza politica ora può permettersi di sottovalutare).


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments