•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 3 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Rehn bacchetta l’Italia sui conti e sul debito Letta replica duro “Nostri conti in ordine”

Rehn - Letta

Sembrano schiarirsi le nubi nelle quali l’Italia si era persa: Olli Rehn, commissario europeo per gli affari economici e monetari, intervistato dal quotidiano La Repubblica, parla positivamente del percorso di risanamento italiano praticato dall’esecutivo Letta.

Sul deficit, “l’Italia è in linea, anche se di poco, con il criterio del tre per cento e questo ha consentito al Paese di uscire dalla procedura per deficit eccessivo che è importante per la sua credibilità sui mercati finanziari. Inoltre l’Italia deve rispettare un certo ritmo di riduzione del debito, e non lo sta rispettando”. Per raggiungere la meta, “lo sforzo di aggiustamento strutturale  avrebbe dovuto essere pari a mezzo punto del Pil, e invece è solo dello 0,1 per cento”. Continua il vice presidente della commissione europea , “è per questo motivo che l’Italia non ha margini di manovra e non potrà invocare la clausola di flessibilità per gli investimenti”.

Olli Rehn

Olli Rehn

Il capitolo spesa pubblica è fondamentale per risolvere la questione. Rehn afferma di aver “preso nota delle buone intenzioni del governo italiano su privatizzazioni e spending review. Ma lo scetticismo è un valore profondamente europeo. E io ho il preciso dovere di restare scettico, fino a prova del contrario. In particolare per quanto riguarda i proventi delle privatizzazioni e i loro effetti sul bilancio del 2014”. Di fatto il prossimo step sono le previsioni di febbraio, “un appuntamento molto importante per l’Italia. Se il governo per quella data ci fornirà risultati concreti e soddisfacenti, ne terremo conto per calcolare i possibili effetti sui margini di manovra a disposizione del Paese”.

Piccola stoccata all’ultimo governo Berlusconi, precisamente al suo epilogo, quando, nell’estate del 2011, per rimettere a posto i conti vennero varate ben quattro manovre: “se io facessi incubi”, sostiene Rehn, “rivivrei l’angoscia del periodo tra agosto e novembre del 2011, quando l’Italia era al centro della tempesta sui mercati finanziari”. Il giudizio sul  Governo guidato da Enrico Letta non può che essere positivo, quindi.

Letta “Italia ha conti in ordine” – Non è piaciuta al premier Letta l’intervista rilasciata dal commissario Ue Rehn a Repubblica. “Una cosa che Rehn non ricorda è che noi e la Germania siamo gli unici Paesi che da 3 anni di fila stiamo sotto il 3%, gli altri grandi Paesi europei no. Questo è un impegno che va premiato e non frustrato. Abbiamo i primi segni di ripresa, ma abbiamo ancora l’onda lunga che sta lasciando disastri sociali. I primi segni di ripresa – ha aggiunto Letta – non sono percepiti dalle persone in difficoltà, ma la scelta di dire l’anno prossimo l’1% di crescita è una scelta assennata e possibile. Dobbiamo lavorarci, ma è una scelta alla nostra portata”.

Daniele Errera

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

#doposci

#doposci

articolo scritto da:

15 comments
Fernando Bianchi
Fernando Bianchi

Rehn ha ragione, ma non ha capito che il branco di maiali che fanno parte della politica italiota non rispetta manco la madre

Ennio Mosci
Ennio Mosci

ma vattene affanculo, te e tutta l'europa.

Carlo Laccetti
Carlo Laccetti

Se tu hai "il preciso dovere di restare scettico sull'Italia", noi abbiamo l'obbligo morale di mandarti a quel paese, caro Olli. D'altronde non possiamo aspettarci un po' di fiducia da uno che si chiama Olli, a me il tuo nome di battesimo ricorda tanto Ollio, il tontolone di Stanlio e Ollio.