•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 4 dicembre, 2013

articolo scritto da:

L. elettorale, la Consulta boccia il Porcellum “No a premio di maggioranza e liste bloccate”

consulta

Nessun rinvio alla fine per la Corte costituzionale: quasi tutti si attendevano che la decisione sulla legge elettorale slittasse a gennaio, ma invece dei tempi supplementari è arrivato il fischio finale. E, se si vuole, il cartellino rosso per il Porcellum, che così come è stato utilizzato nel 2006, nel 2008 e ancora a febbraio di quest’anno non tornerà più.

In particolare, i giudici costituzionali – al termine di una camera di consiglio che è stata comunque lunga – hanno scritto un primo de profundis per entrambi i punti sollevati dall’ordinanza con cui la Corte di Cassazione a maggio aveva sollevato la questione di legittimità costituzionale: il premio di maggioranza e le liste bloccate.

Per quanto se ne sa – almeno limitandosi alle indiscrezioni giornalistiche – il giudice delle leggi avrebbe colpito innanzitutto il difetto che la Corte aveva messo in luce più volte, almeno a partire dall’inizio del 2012, quando aveva bocciato i referendum del comitato Morrone-Parisi che volevano il ritorno al Mattarellum (ma volendo già dal 2008, quando aveva invece ammesso i quesiti Guzzetta-Segni), ossia la sproporzione del premio di maggioranza, specialmente alla Camera.

gaetano silvestri

Gaetano Silvestri

Anche in occasioni meno formali (come le conferenze o le dichiarazioni alla stampa), l’attuale presidente della Corte Gaetano Silvestri (illustre costituzionalista) e il suo predecessore Franco Gallo avevano fatto notare l’assoluta problematicità della “attribuzione di un premio di maggioranza […] senza che sia raggiunta una soglia minima di voti o di seggi”. La soluzione, a quanto pare di capire, sarebbe stata trovata nell’abolizione completa del premio, non esistendo soglie da applicare in modo “analogico” alle leggi elettorali di Camera e Senato.

Questo punto, in fondo, era il più atteso e il più “attaccabile” dalla Corte. Più insolito – almeno nei modi – arriva il disco rosso alle  “liste bloccate“, criticate da tutti (e con ragione) poiché sarebbero le principali responsabili della trasformazione delle Camere da assemblee di eletti a consessi di “nominati” dalle segreterie dei partiti. In particolare, la nota diffusa dalla Corte parlerebbe dell’illegittimità costituzionale delle norme “che stabiliscono la presentazione di liste elettorali ‘bloccate’, nella parte in cui non consentono all’elettore di esprimere una preferenza“.

partiti finanziamento

Non è dato però sapere niente di più su questa parte, che è decisamente la più delicata dal punto di vista dell’architettura costituzionale e, nello specifico, per la trasformazione dei voti in seggi. La sentenza, in ogni caso (e come è ovvio), lascia del tutto intatta la possibilità per il parlamento di approvare nuove leggi elettorali “secondo le proprie scelte politiche”, con l’unica – non piccola – avvertenza che dovranno essere scritte “nel rispetto dei principi costituzionali”.

Per conoscere il resto della pronuncia – quello che veramente conta – si dovrà attendere la pubblicazione dell’intera sentenza. L’attesa potrebbe essere lunga: “avrà luogo nelle prossime settimane”. Ma senza sentenza il Porcellum resta in piedi: solo dopo si potrà capire quali parti saranno state eliminate e quali resisteranno.

LE REAZIONI – Il primo a intervenire sulla bocciatura del Porcellum è il Pd Giuseppe Fioroni: “Se rimane così la legge è un sistema proporzionale con le preferenze: la proposta di legge che io ho presentato da tanto tempo in parlamento. E’ la legge Fioroni. Se nessuno tocca niente resta un grande sistema elettorale, democratico e costituzionalmente corretto”.

Entusiasta il commento di Sel, con il suo leader Nichi Vendola: “Un raggio di sole nel gelo della democrazia, un atto di giustizia contro quel Porcellum con cui la destra ha offeso l’Italia”. Per il suo collega Gennaro Migliore “serve immediatamente una buona legge elettorale, in linea con l’orientamento della Corte”.

Per l’ex segretario democratico Pierluigi Bersani “Adesso il Parlamento non può scansare il suo dovere. La nostra proposta di doppio turno di collegio risponde perfettamente alle obiezioni della Corte e alle esigenze del Paese”. Non è sulla stessa linea l’Udc Pier Ferdinando Casini che invece è soddisfattissimo della sentenza della Consulta: “Abbiamo lavorato per anni all’introduzione delle preferenze nella legge elettorale, inoltre abbiamo sempre considerato una grave anomalia un premio di maggioranza costruito senza un’adeguata soglia. Invitiamo il Parlamento a lavorare subito all’approvazione delle due modifiche”. Beppe Grillo chiede di tornare subito al voto “La sentenza della Consulta di fatto cancella il Porcellum che va considerato decaduto con il ritorno immediato al voto con la precedente legge elettorale Mattarellum”, scrive il leader del M5S. “Si torni al Mattarellum, si sciolgano le Camere e si vada al voto. Non ci sono alternative”

I commenti meno soddisfatti, come era prevedibile, arrivano da Forza Italia che quella legge aveva fortemente voluto nel 2005: non stupisce che Mariastella Gelmini metta in luce soprattutto le conseguenze “distruttive” che la pronuncia del giudice delle leggi potrebbe avere: “Se il Porcellum è considerato incostituzionale sia per le liste bloccate sia per l’eccessivo premio di maggioranza, è allora vero che una volta riformata la legge elettorale, e in permanenza di un Parlamento non più legittimato, l’unica decisione costituzionalmente valida che può essere presa dal Capo dello Stato è lo scioglimento delle Camere e il voto anticipato”.

Ancora più sulfureo, con un tocco quasi luciferino, il “padre” leghista della legge, Roberto Calderoli, lo stesso che la bollò poi come “porcata” e che ora ha presentato un ordine del giorno per il ritorno al Mattarellum: “Ora ci saranno una serie di conseguenze da valutare che derivano da questa bocciatura. Potrebbe essere delegittimato il parlamento, potrebbe essere delegittimanto il governo sostenuto da questo parlamento delegittimato. E’ delegittimato il presidente della Repubblica eletto per due volte da un Parlamento eletto con questa legge elettorale. E ancora è delegittimata la Corte costituzionale che in parte è composta da membri eletti da un Parlamento illegittimo. E’ legittima una sentenza espressa da un organismo che non è legittimato?”.

Molto più accomodante, in ossequio al suo passato diccì, il commento che Gianfranco Rotondi, ex Dca ora Fi, affida a Termometro politico. “Questa legge, meno il premio di maggioranza più le preferenze in pratica è la legge del 1946 – nota  – per cui la Corte ha mantenuto il suo tradizionale conservatorismo istituzionale. E’ vero, di nuovo rispetto ad allora c’è lo sbarramento, ma è sempre una correzione della legge del ’46, non è una cattiva legge. Ora bisognerà vedere esattamente il contenuto della sentenza, ci sarà una fase di grande confusione, come sempre in fondo alla strada ci sarà la soluzione”. La durata della legislatura però per Rotondi si accorcia: “Certo è che il parlamento ora è delegittimato e bisogna tornare  a votare, in tempi piuttosto rapidi”.

IN PARLAMENTO – Anche in Parlamento la vicenda della legge elettorale aveva avuto oggi una brusca (si fa per dire) accelerazione: la commissione Affari costituzionali del Senato, infatti, aveva istituito un “comitato ristretto” proprio per esaminare le proposte per un nuovo meccanismo di trasformazione dei voti in seggi, con un rappresentante per gruppo e i due relatori, Donato Bruno e Doris Lo Moro. Per le proposte c’è tempo fino a fine gennaio, ma a questo punto bisognerà sbrigarsi e produrre qualcosa di sensato.

Gabriele Maestri


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

125 comments
Giancarlo Frigo
Giancarlo Frigo

Tanto ti sei battuto che stai finalmente raccogliendo i frutti.

Marino Coati
Marino Coati

Viva la Consulta. Finalmente. I politicastri italiani si vergognino !!!!!!!!!!!!!!

Nadia Paciotti
Nadia Paciotti

Finalmente e spero che la nera e Boldrini vadano via. Io l'ho' detto sempre che queste persone messe li' dai partiti e non elette dal popolo non devono starci perché e' anticostituzionale....

Piero Picari
Piero Picari

fra un po' sentiremo odore di cacarellum ...

Mimmo Ristori
Mimmo Ristori

Quando fu inventato ed approvato, nessuno di quegli inetti in Parlamento vi aveva pensato?

Lorenzo Dei Medici
Lorenzo Dei Medici

accozzaglia di bacucchi che guadagnano una montagna di soldi (Amato appena nominato già prendeva 40.000 euro di pensione mensile) ci costano, a testa, 1000 euro/GIORNO solo di macchina blu. Produttività prossima a ZERO. SI RICORDANO SOLO ADESSO CHE LA LEGGE ELETTORALE E' ANTICOSTITUZIONALE??? CACCIAMOLI SUBITO, ANCHE SE CI COSTERANNO, FINO A QUANDO NS. SIGNORE NON LI CHIAMA A SE, UNA MONTAGNA DI SOLDI DI PENSIONE CHE NESSUNA LEGGE PUO' SCALFIRE, contrariamente a quella del metalmeccanico che tutti si sentono nel dovere di maltrattare.

Marcello Latini
Marcello Latini

ma non ci potevano pensare quando è stato approvato? certo che anche questi stanno li a prendere milioni di euro immeritati.

Vittorio Buccarello
Vittorio Buccarello

In fatti, ha dovuto fare ricorso il CSM, alla CORTE COSTITUZIONALE, Per far si che questa questa potesse pronunciarsi,

Viviana Fuoco
Viviana Fuoco

Ma doveva andare via Berlusconi dal governo per far dire alla Corte Costituzionale che la legge elettorale è anticostituzionale? Vergognoso far vedere che ci si accorge ora della "porcata".... e chi farà le dovute correzioni un parlamento eletto illegittimamente?

Maurizio Agostinelli
Maurizio Agostinelli

E dove cazzo stavano a dormire questi emeriti della nostra repubblica? 8 anni e 3 elezioni sono passati in attesa del loro giudizio. Che possano essere maledetti insieme a chi li ha nominati. Che non possano più vedere le loro famiglie, figli e nipoti se non sotto una valanga di merda e cenere! Ed ora voi che tutto leggete e spiate venite a prendermi!

Riccardo Impallomeni
Riccardo Impallomeni

Madonna santa, 'sta domanda! E informatevi, prima di parlare! La Corte non interviene motu proprio, ma solo su ricorso ammissibile di alcuni soggetti legittimati.

Bazzanella Silvio
Bazzanella Silvio

prima serve una nuova legge elettorale e la sentenza non è RETROATTIVA PER CUI IL PARLAMENTO é LEGGITIMO

Gianfranco Mancini
Gianfranco Mancini

Ed ora tutte quelle olgettine assunte a parlamentari cosa faranno??

Vittorio Buccarello
Vittorio Buccarello

In fatti, così almeno dovrebbe essere, d'ora in avanti! con la consapevolezza che tutto quello che hanno percepito fin'ora,è stato abusivo.

attilio
attilio

COME PREVEDEVO, IN ITALIA, NON CI SARA, FUTURO AVVENIRE INNOVATIVO, PER QUESTI GIOVANI,

PER UNA POLITICA, SCORRETTA? PER MANCANZA DI BASI: NELLE CALZATURE IN COMMERCIO, NON ABBIAMO: CERVELLO + CERVELLETTO + MENTE + L'INTELLIGENZA + EQUILIBRIO???

SCARPA  FUTURA: CAMBIERA IL FUTURO AVVENIRE INNOVATIVO, STA  PER L'ASCIARE, L'ITALIA HA CHI CREDE NELLA CREDIBILITA E VERITA, IN UN FUTURO NUOVO, PER CANCELLARE, TUTTE LE TRAGEDIE, E MALATTIE.

L'EUROPA SONO TRE ANNI, CHE STANNO IN ATTESA?

MI DISPIACE TANTO, PER QUESTI GIOVANI, CHE SCARPA FUTURA L'ASCIA L'ITALIA, IL 2014 PER NON AVRANNO MAI UN FUTURO: CON BASI, SPINTA, ENERGIA, EQUILIBRIO, RADICI, FLESSIBILITA  DIRETTIVE SIA MENTALMENTE, SIA FISICAMENTE?

TUTTA COLPA, DI UNA POLITA, SQUILIBRATA?



Paolo Pucciarelli
Paolo Pucciarelli

Penso che il partito di alfano non voti una legge renzi se non è funzionale al suo partito...e se nn la vota NCD non ha la maggioranza al senato....e siccome sta legge puo' andar bene a molti(sel lega 5 stelle)...o trova un rimpallo con forza italia o la vedo grigia.

Fabio Graziosi
Fabio Graziosi

solo che c'e' un piccolo problema dovete fare una nuova legge elettorale perche' questa non c'e' piu'

Luciano Devescovi
Luciano Devescovi

Rotondi, lo so che sei deputato, che il Parlamento ha il ppotere legislativo......... ma non vuol dire che puoi decidere da solo quanto si deve fare ! Ed i tuoi, fra senato e camera, 999colleghi ?

Marco Brero
Marco Brero

troveranno il modo di dichiarare anticostituzionale la Consulta

Salvino Cognata
Salvino Cognata

Ieri sera, eccezionalmente, ho visto porta a porta e mi sembra che Renzi abbia illustrato in maniera chiara come potrebbe essere la nuova legge elettorale. Ha fatto tre proposte e tutte condivisibili. Per quanto riguarda l'asse Pd berlusconi penso che non esista, ma le leggi importanti bisogna farle con il più largo consenso possibile, altrimenti ricadiamo nel berlusconismo più becero.

Paolo Pucciarelli
Paolo Pucciarelli

no il porcellum com'è ora cosi come un proporzionale fa comodo a tutti i partitini da alfano,lega,sel ecc....a grillo frega nulla....la cambiano la legge solo se trovano un asse pd e berlusconi.

Francesco Santarsiere
Francesco Santarsiere

Ci hanno messo otto anni... E ognuno di loro costa in media 200'000 euro all'anno... Quindi 1,6 milioni di euro ciascuno, ovvero 24 milioni di euro complessivi... Quindi in pratica abbiamo pagato 24 milioni di euro per farci dire che il Porcellum va cambiato... Alla faccia dell'attenzione agli sprechi!

Enzo D'Agostino
Enzo D'Agostino

Ci vuole una nuova legge Elettorale...devo decidere io per chi votare...non per i nominati dei partiti..i Vari Brunetta..Bersani....calderoli..a casa....

Paolo Pucciarelli
Paolo Pucciarelli

Enzo D'Agostino il porcellum esiste ancora....nn esistono piu le parti sul listini bloccati e premi di maggioranza.....ma per il resto la legge c'è ed un proporzionale con sbarramento.

Paolo Pucciarelli
Paolo Pucciarelli

il problema purtroppo è che non so quanti partiti vogliono cambiarla....

Beppe Roca
Beppe Roca

Volevo capire se era alla maggioranza, diceva la stessa cosa ??' ..... non credo.

DaveRo Losetti
DaveRo Losetti

[D] credo che più in basso di così, davvero, non saremmo potuti andare :D

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Votare?...per che cosa?...la rinascita del Berlusca. ..il trionfo di Grillo.?..

Salvino Cognata
Salvino Cognata

E' da quando votiamo con il porcellum che il parlamento è delegittimato. Bisogna abrogare tutte le leggi ad personam che anche tu, rotondi, da delegittimato, hai votato.

Silvestro Gatto
Silvestro Gatto

forse ti sfugge che la consulta, ha appena deciso la incostituzionalità del porcellum, relativamente alle liste bloccate che tradotto significa che "nominare" è incostituzionale, perché non consente ai cittadino di scegliere. direi basta slogan...

Enzo D'Agostino
Enzo D'Agostino

E quello che vuole Forza Italia....cosi tutti i parassiti vengono rinominati......