•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 26 gennaio, 2014

articolo scritto da:

L’Eurozona fallirà entro il 2023

Paolo-Barnard

L’Eurozona fallirà entro il 2023. Paolo Barnard ci spiega cosa vuol dire recuperare la propria sovranità monetaria

Nell’ultima puntata de La Gabbia su La7, è stato mostrato al pubblico da Alessandro Paragone e il suo ospite Paolo Barnard un documento ufficiale che dichiara il fallimento dell’eurozona entro e non oltre il 2023. Per il noto giornalista dalle posizioni anti-Euro è necessario ripristinare la sovranità monetaria il prima possibile. 

Per chi ha avuto l’occasione di seguirla, nell’ultima puntata de La Gabbia, nota trasmissione condotta il mercoledì sera da Alessandro Paragone,l’ospite Paolo Barnard, noto giornalista conosciuto ai più per la sue profonde conoscenze in ambito economico e per le sue posizioni antieuropeiste, ha ‘tirato fuori’ un documento ufficiale dell’Ue nel quale si dichiara ufficialmente il sostanziale fallimento dell’Eurozona. Ebbene il documento in questione, mostrato a tutti i telespettatori, si chiama Quarterly Report on the Euro Area, Volume 12, N. 4, ed in esso è in pratica scritto nero su bianco, dalle mani di quelli che sono oggi i tecnocrati dell’euro, il fallimento pressoché ineluttabile dell’esperimento della moneta unica, che dovrebbe avvenire, secondo i ben informati, entro e non oltre la data del 2023, tra 9 anni dunque.  A quel tempo infatti, si legge, l’Europa sarà crollata per ciò che investe lo stile e il tenore di vita dei cittadini rispetto agli USA del 40%, ovvero uno standard di vita, che comprende servizi, potere d’acquisto delle famiglie, prezzo dei beni al consumo, occupazione, ec.,inferiore persino a quello che si aveva negli anni ’60, gli anni del cd. ‘boom economico’, probabilmente, a questo punto, il vertice più alto che i paesi europei abbiamo mai raggiunto nella storia contemporanea.

Basterebbe questo, spiega il giornalista, per far scattare una vera rivoluzione in tutto il continente, e anzi, l’indignazione dovrebbe crescere ulteriormente, non fosse tra l’altro che la notizia dell’esistenza di un documento ufficiale redatto dai tecnocrati dell’Ue, neppure circola più di tanto; a parte infatti la denuncia apparsa su La Gabbia per opera di Barnab e Paragone, a ben vedere nessun organo di stampa nazionale, né il Corriere, né la Repubblica, e neppure il ‘sinistroide’ Fatto Quotidiano, né Tg tanto nazionale, quanto locale, ha mai pensato di informare il pubblico di una siffatta realtà. Così infatti scrive il giornalista sulla sua pagina facebook ufficiale: “Vi rendete conto di cosa stiamo dicendo? Lo sanno già, che milioni di famiglie, di persone vere, sono condannate a vivere per altri 10 anni senza democrazia e negli stenti sempre più feroci. Qui, nella civile Europa. Ma sapete capire che razza di sofferenze saranno? Ma più criminali di così si può? Ditemi cosa meritano. Dimmelo Enrico Letta.

Ebbene, se è vero che ‘venti di rivoluzione’ spirano da un po’ di tempo a questa parte, in Europa, così come in Italia, e non mi riferisco solo al famigerato e poco controllato movimento dei Forconi, ultimamente un po’ assopito, ma anche al più ‘realistico’ e ben organizzato movimento politico dei M5S, che, per quanto se ne possa dire, rappresenta comunque un punto di frattura netta con la politica del passato, sia per il suo ‘stile’, sia per le idee, allora il vero comune denominatore che raggruppa tutte le anime ‘progressiste’ è, e rimane, la necessità di uscire dall’Euro, e il prima possibile, ovvero prima che si realizzino ulteriori danni per la società civile, come in Grecia o Cipro, i cui effetti sulla tenuta sociale ora sono davvero impossibili da prevedere.

Per questo Barnab insiste sempre più sulla necessità di uscire dall’Euro e di ripristinare con urgenza la sovranità monetaria rappresentata dall’amata, e mai dimenticata, Lira.

Così infatti parla al pubblico il noto giornalista:”L’Italia avendo abbandonato la propria moneta sovrana, la Lira, e avendo adottato una moneta straniera, l’Euro, non è più il MONOPOLISTA DELLA MONETA. Che cosa significa questa definizione? Significa che non è più uno Stato che crea la sua moneta dal nulla, e che in tal modo non ha limiti teorici né tecnici nel crearla.

Questo ha causato per l’Italia la catastrofe senza precedenti che tutti sapete, inutile continuare a elencare i dati funerei del disfacimento di uno dei 5 più ricchi Paesi del mondo da quando è in Eurozona”.Per spiegare meglio i vantaggi economici e sopratutto di ripresa social che si avrebbero con il ripristino della sovranità della moneta, Barnab tesse il più semplice dei confronti: quello tra un paese nel quale la sovranità monetaria è perduta, come in Italia, e un paese come gli USA nel quale il potere decisorio nei riguardi delle politiche economiche, compreso il valore della moneta, è pieno. Diversamente dai paesi dell’Eurozona, gli USA, ma anche tutti gli altri Stati del mondo, Cina, Giappone, Russia, Brasile, paesi non a caso, sebbene con qualche inevitabile battuta d’arresto, che cavalcano l’onda della crescita, hanno facoltà di stampare moneta in pratica dal ‘nulla’, e sebbene a qualcuno questo giochetto potrà sembrare nocivo perchè fonte di inflazione, Barnab tace subito ogni velleità di confutazione così dicendo:” gli USA stanno creando dal nulla tipo una fiumana di soldi ogni mese, e non mi sembra che l’America sia affondata nell’Atlantico per questo. Vero è che il governo americano non sta usando questa inondazione di dollari per fare le cose che aiutano la gente comune, come creare lavoro, pensioni, sanità ecc., ma di fatto lo strumento ce l’ha. Ed è questo il dato importante. L’Italia nell’Euro lo strumento non l’ha più, ed è questo il dato gravissimo.”

La perdita della sovranità monetaria da parte degli Stati dell’Eurozona comporta infatti perdere anche la facoltà di poterli spendere, un paradosso ma di cui siamo pienamente consapevoli, non fosse tra l’altro che questo è lo schema su cui si regge la famigerata stabilità; non avere sovranità della moneta, non poterla creare, e sopratutto non poter spendere neppure ciò che si ha nelle casse. Perché infatti essere capaci di creare una propria moneta permette al governo di far le cose giuste e permette alla società di vivere nel benessere e nella democrazia? Perchè ”Il MONOPOLISTA DELLA MONETA è colui che decide i prezzi e l’economia”, spiega Paolo Barnard.Ciò significa che lo Stato è in grado, essendo il proprietario della propria moneta di cui egli stesso è il creatore, di decidere quanto pagare e cosa, dal prezzo del lavoro, a quello sugli interessi dei titoli di Stato che potrà benissimo a questo punto decidere di non pagare, o solo parzialmente, essendo questi i propri interessi di Stato, e potrà inoltre decidere anche il valore da applicare alla moneta, favorendo di conseguenza anche gli scambi commerciali o l’interesse delle imprese internazionali ad investire nel paese. Perdere la sovranità della moneta significa per questo SUBIRE il prezzo imposto dagli altri e dai mercati: si pensi infatti all’obbligo a cui ha dovuto sottostare l’Italia al tempo del famigerato ‘spread’ di pagare interessi al 5% per quelli che erano alla fine i propri titoli di Stato, perchè così stabilito dagli accordi, anziché, come sarebbe stato più ragionevole, sopratutto per le evidenti difficoltà contingenti a cui è stata sottoposta a quel punto la società civile, di pagarli posticipatamente, o solo parlzialmente, o con un interesse ridotto, se non addirittura non pagarli affatto. Ma come si è detto, acquistare, o riacquistare, la sovranità della propria moneta significa anche e sopratutto decidere quale sia il costo del denaro, anche del denaro che le banche si prestano tra loro. Ciò comporta che le banche potranno ricevere dalla Banca Centrale denaro  a quasi zero tasso d’interesse, così come avviene tra l’altro negli Stati padroni della propria valuta, oppure che la Banca Centrale e il governo costringeranno le banche a prestarsi capitale a tassi bassissimi; ciò significa in sostanza un minor costo della vita nel suo insieme, perchè scenderanno i costi sugli interessi dei mutui bancari, dei prodotti, dell’IVA. Inoltre, è evidente, questo sistema rigenererebbe anche un più equilibrato spirito di competizione tra igli stituti di credito privati, invogliati a quel punto a giocare al ‘ribasso’ per richiamare la clientela. Ma i vantaggi coinvolgerebbe anche il sistema fiscale: la sovranità infatti permette ad ogni Stato di potersi pagare la propria spesa pubblica, essenziale per l’erogazione dei servizi, delle pensioni, degli stipendi, ec, come e quanto gli piace, essendo lui semplicemente il creatore della moneta con la quale paga la spesa, una realtà che dunque consente di ‘abbattere’ il muro delle tasse, perchè lo Stato non ha a questo punto nessun bisogno di chiedere soldi alla popolazione civile quando può pagarsi la spesa da sé. E già.  Le conclusioni le detta , a questo punto, lo stesso Barnard,”La cosa importante da capire è che quando uno Stato possiede il proprio denaro – mentre oggi l’Italia in Eurozona NON LO POSSIEDE – esso è il MONOPOLISTA DELLA MONETA e decide i prezzi delle cose più importanti, non li deve subire da nessuno. E’ quindi nelle condizioni di regolare l’economia NELL’INTERESSE PUBBLICO senza che nessuno da fuori possa dirci beo…Quindi? Ovvio! L’Italia deve ritornare a essere Il MONOPOLISTA DELLA MONETA. Significa: uscire dall’Eurozona e recuperare la propria Lira”.

 


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

80 comments
Fernando Giannoni
Fernando Giannoni

Parla quasi come Casaleggio. E' forse un'altra puntata della fine del mondo dei Maya?

Francesco Coraggio
Francesco Coraggio

Sensata risposta di Annamaria Cesini. Non sarà un'economista, ma parte dal reale.

Annamaria Cesini
Annamaria Cesini

Amedeo Franchi grazie per le tue spiegazioni. Io sono veramente ignorante in materia. Ricordo solo però ai tempi della lira le svalutazioni e l'inflazione che ci impoverivano. Credo che chi adesso vive di uno stipendio normale o di una pensione potrebbe veramente morire di fame se uscissimo ora dall'euro.

Amedeo Franchi
Amedeo Franchi

La bce non stampa quasi niente. Ecco perché non c'è inflazione oltre il 2%. Inoltre dentro la bce ci sono anche i governatori delle bc nazionali. Inoltre con moneta nazionale comunque stampando denaro ci "guadagnano" le banche. Studiate prima un libro di economia e poi parlate.

Ulysses Kilmoore
Ulysses Kilmoore

meglio che farsela stampare da istituti privati che nulla c'entrano col paese e non fanno altro che guadagnarci...

Amedeo Franchi
Amedeo Franchi

Nessuno ha fermato questo idiota? Germania post 1ª guerra mondiale e messico anni 90. Andate a vedere cosa significa stampare moneta come se fosse carta igienica.

Kawabe Kaze
Kawabe Kaze

Una piccola parentesi: Paolo Barnard non è un economista bensì un sociologo e giornalista, ex fondatore del programma Report, attualmente impegnato nella politica economica.

Ennio Chiaretto
Ennio Chiaretto

2023? Be' se non altro si è preso 10 anni di tempo. Quello che gli serve per il TSO e la successiva riabilitazione e reinserimento

Antonio Rossi
Antonio Rossi

Come in tutti i settori anche in economia ci sono i "santoni"che predicano il loro credo sempre in negativo altrimenti non sarebbero ascoltati da nessuno.

Massimiliano Roberto Gandini
Massimiliano Roberto Gandini

Qui a quanto apre stanno fallendo tutti chi prima chi dopo, anche l'Argentina con la sua sovranità monetaria. Si salvano solo i paradisi fiscali. Non è che forse dopo il comunismo tocca al capitalismo? So guai.

Antonio Petruzzo
Antonio Petruzzo

Non dovevamo fallire a novembre? Mmm stampare moneta, ma dove l'ho già sentito?

Andrea M. Bolognesi
Andrea M. Bolognesi

scusate ma dov'e' scritto nel rapporto ( Volume 12 (2013) Issue 4 - Quarterly report on the euro area. December 2013) che l"Eurozona fallira' entro il 2023????

Vito Casale
Vito Casale

che noia sta gente ragazzi tutti uguali. poi spostano la data dell'apocalisse, sembrano i testimoni di geova!

Nora Picone
Nora Picone

dai commenti ne deduco che sono tutti laureati i economia! complimenti!

Angelo Dieni
Angelo Dieni

già e il dollaro è causa della crisi americana, lo yen della crisi giapponese, il peso della crisi argentina, a già loro no, loro hanno risolto non pagando nessuno e ora vivono felici e beati.

Johnny Lee
Johnny Lee

Cmq l'Italia è un paese di coglioni ignoranti senza speranza

Johnny Lee
Johnny Lee

Paolo Barnard è il più grande giornalista ed economista italiano.

Angelo Dieni
Angelo Dieni

bravo allora non ascoltare questa gente. La loro ricetta è semplice, c'è crisi? allora si stampano fogli di carta dove c'è scritto un numero. Durante la guerra in ex jugoslavia c'era una banconaoto da qualche miliardi di dinari, sai a cosa serviva? a comprarsi un caffè, il giorno in cui veniva stampata, il giorno dopo non ti dico a cosa per educazione.

Pietro Favaro
Pietro Favaro

Guerra moderna. I vari tipi di guerra possibili sono: 1°) Guerra economica, o finanziaria. 2°) Guerra di religione. 3°) Guerra interna o rivoluzione civile interna ai vari stati. I primi due tipi li abbiamo già conosciuti nei vari corsi e ricorsi della storia, e anche le rivoluzioni ci sono state, ma fino ad oggi erano tutti e 3 fini a se stessi, e avvenivano indipendentemente l’uno dall’altro, e in vari stati o situazioni fra loro indipendenti. Quello che fino ad oggi mi mancava, e non capivo, era come mai ci fosse solo una guerra economica, solo le monete mondiali erano sotto assedio dei poteri forti, ma questo non bastava, con la sola guerra economica cè la distruzione delle varie monete, ma non cè la distruzione materiale dei beni che poi dovranno essere ricostruiti per riattivare la nuova crescita dei vari paesi. D'altronde non si poteva fare una guerra effettuata tradizionalmente, chè con gli strumenti bellici moderni, in mano ai vari stati più o meno canaglia, ci sarebbe stato il pericolo di una escalation del conflitto fino al livello mondiale, e perciò atomico; per cui guerra completamente distruttiva di tutta l’umanità, (muoiono ricchi e poveri, senza alcuna distinzione) con l’annientamento del genere umano e perciò del futuro … allora quale potrebbe essere la soluzione a cui la fantapolitica potrebbe essere arrivata per sfasciare tutto, distruggere il più possibile per poi ricostruire ???? Semplice … l’uovo di Colombo, ogni stato piccolo o grande che sia si “AUTODISTRUGGE” … come ??? Con la somma dei 3 tipi di guerra conosciuti … divisi per stati, in alcuni ci saranno rivolte popolari, in altri guerre di religioni, e in altri guerre economiche, il mischiare i tre tipi di guerre nei singoli stati renderà il puzzle ancora più interessante, e distruttivo. Quindi sarà il momento dei poteri forti di prendere in mano la situazione e pian piano rastrellare nelle mani di pochi la ricchezza rimasta e ricominciare da capo governando la plebe rimasta. ORA DITEMI SE E’ SOLO FANTACSIENZA O NO ???

Lamberto Giusti
Lamberto Giusti

Da brividi.. Non ci capisco molto di economia, ma se è davvero così ci stanno deliberatamente uccidendo...

Luca Simoni
Luca Simoni

Perché fanno parlare questo finto economista? Bah...

Mirko Cecchini
Mirko Cecchini

I catastrofisti cadono sempre in piedi perché ogni volta spostano in avanti la loro previsione catastrofica. I grillini in primavera dicevano: in autunno finiremo come la Grecia. Ora nessuno chiede conto di questa previsione, e del resto possono benissimo dire: il prossimo autunno finiremo come la Grecia. E' un po' come il ritorno di Gesù: non costa niente crederci, e dire: prima o poi tornerà.

Giorgio Secchi
Giorgio Secchi

Barnard, guarda cosa sta succedendo in argentina, ad avere la possibilità di creare in libertà carta moneta. Cialtrone e falsario, buono per i gonzi

Pasquale Cavallo
Pasquale Cavallo

Ah che strano, l' uomo alla ricerca del successo con argomenti mistico-economici Barnard la spara grossa come al solito!

Guido Zaccaro
Guido Zaccaro

Giuseppe Chisari..puzza di grillismo? ..perché se si dichiara il disagio italico..bisogna essere del M.5.S? ..un pensionato che aveva un milione al mese...si ritrova con 500 e rotti Eur. ..stiamo vivendo la più grande miseria degli ultimi 70anni..sulla propria pelle..anche senza che c'è lo dica Grillo...il tragico che se si ritorna se alla lira..il debito pubblico. . (Uno dei più tragici ed alti a livello mondiale)..resterebbe anzi sarebbe maggiorato in quanto sarebbe sempre da pagare in Euro...il problema non è l'euro o la lira...il problema si chiama..ITALIA. .

Cesare Caprara
Cesare Caprara

L'ha visto nella sfera di cristallo ? Ma se non sappiamo come sarà fra un mese che cosa ci viene a raccontare questo nuovo guru ? Le palle ? Ma vai .....

Giuseppe Chisari
Giuseppe Chisari

Guido, hai una capacitá di approfondimento pari a zero. Qua c'e' puzza di Grillismo :)

Giuseppe Chisari
Giuseppe Chisari

Prima diceva che l'euro sarebbe fallito nel 2012, poi nel 2013.... Vistosi contraddetto piú e piú volte qusto famelico cialtrone del complotto, ha deciso di sparare lungo, per cercare di vendere pú libri....

R.e. Genova
R.e. Genova

io spero molto ma molto prima di quella data,secondo il mio parere l'euro è stata la base della crisi europea.

Trackbacks

  1. ヴィトン ビィトン公式

    each president obama clea bungalow is considered comatose on how to overcome china based websites, besides any time you’re throwing punches obsequious banquets in its market leaders praise. currently a strong, sincere posture good be made welcome by i…