Cuperlo “Italicum va modificato”

Pubblicato il 6 Marzo 2014 alle 11:17 Autore: Redazione
cuperlo pensa alle dimissioni dopo lo scontro con renzi su legge elettorale

Anche Gianni Cuperlo boccia l’Italicum targato Matteo Renzi. “In gioco non è il successo o il fallimento di Renzi. Una nuova legge elettorale è la premessa per mettere in sicurezza la nostra democrazia e per questo va migliorata, in particolare su soglie di sbarramento, premio e liste bloccate” dice l’ex presidente del Pd in un’intervista a Repubblica.

“Per la politica è l’ultimo treno”, spiega Cuperlo. L’Italicum “ha diversi limiti che rischiano di comprometterne l’efficacia”. In primis “l’intreccio di soglie che penalizza la rappresentanza con il rischio di escludere dal Parlamento forze che raccolgono milioni di voti. Poi un premio meno sguaiato del precedente ma che consegna alla maggioranza un bonus di solo 5 o 6 seggi e non da ultimo le liste bloccate”.

gianni cuperlo candidato primarie pd 8 dicembre

 

“La riforma costituzionale -prosegue Cuperlo – deve partire subito a Palazzo Madama. Avere stralciato le norme sul Senato non dà la certezza che la prossima volta sarà solo la Camera a esprimere la fiducia al governo ma rende più stringente il nesso tra riforma elettorale e riforma costituzionale”.

“Il tema della rappresentatività andrà rafforzato se vogliamo una legge efficace e destinata a durare”. Sull’emendamento per l’equilibrio uomo/donna Cuperlo spera “che si trovi una soluzione. Non voglio credere – dice – che una riforma storica per la democrazia sia a rischio per la richiesta sacrosanta di rispettare la parità tra uomini e donne nella rappresentanza” conclude Gianni Cuperlo.

Redazione


L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →