•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 31 marzo, 2014

articolo scritto da:

Crisi Italia: calo dipendenti pubblici e basso costo del lavoro

Dall’Istat e dall’Eurostat arrivano due vere e proprie mazzate per l’economia ed il lavoro del ‘Belpaese’: il costo del lavoro e il numero di dipendenti pubblici sono il centro delle relazioni dei due istituti di statistica.

Prima l’Ufficio Statistico dell’Unione Europea analizza il costo del lavoro: all’Italia è affidata la maglia nera 2013. Infatti la penisola ha un valore sotto la media del vecchio continente: 28,1 euro l’ora. E’ questo il livello a cui si è attestata l’Italia, contro il 28,4 dell’eurozona. Staccati, di molto, la Francia (34,3) e la Germania (31,3). Il divario è quindi grande coi paesi leader europei, tra i quali spicca in positivo il Belgio (nell’area euro, si intenda) con 39 euro l’ora.

 

eurostat

L’Istituto di Statistica nazionale, invece, prende in esame il calo vertiginoso dei dipendenti pubblici: negli ultimi dieci anni, infatti, sono diminuiti di ben 367.000 unità. Questo secondo le analisi del censimento 2011 calcolati rispetto il 2001. Praticamente i dipendenti della Pubblica Amministrazione sono passati da 3.209.125 a 2.842.053.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: