•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 9 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Why Not, Prodi “Grande dolore, non si ripeta mai più”

Inchiesta Why not, interviene uno dei protagonisti involontari di quella storia: Romano Prodi.

Il giorno dopo le motivazioni della sentenza di condanna del sindaco di Napoli Luigi De Magistris interviene l’allora presidente del Consiglio Prodi. “Mi accusavano di cose che ignoravo del tutto, reagii con grande e lunga sofferenza. Uno stillicidio crescente che, insieme con la compravendita dei senatori che avveniva a mia insaputa, intorbidì le acque. Fu una delle pagine più oscure della nostra democrazia. Bisogna conservarne la memoria perchè non si ripeta mai più”.

Così l’ex premier Romano Prodi in un’intervista al Mattino. “Ricordo quei giorni ancora con angoscia”, racconta Prodi. “La cosa incredibile è che ero del tutto ignaro delle accuse di cui si parlava. Non solo non conoscevo i fatti specifici, ma neanche le persone e i contesti citati. Eppure i giornali tambureggiavano in un crescendo di toni e di titoli, si alzavano sospetti come nubi minacciose che vedevo crescere di fronte a me”.

 Prodi siamo in una gabbia di matti

“A distanza di anni e di fronte agli accertamenti della magistratura, oggi abbiano una chiara idea di quale fosse la gravità di quei fatti”, osserva Prodi. “Vorrei che la memoria restasse viva, affinché la soglia di attenzione pubblica e il beneficio del dubbio si attivassero di fronte a polveroni che potrebbero ancora sollevarsi sul cammino della democrazia”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: