•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 novembre, 2014

articolo scritto da:

Diritti Crimea: la denuncia di Human Rights Watch

situazione crimea, russia, tartati, Human Rights Watch

Le autorità russe in Crimea non rispettano i diritti civili: a denunciarlo è Human Rights Watch, un’organizzazione non governativa internazionale che si occupa della difesa dei diritti umani. Da quanto la Crimea è passata sotto l’ala della Russia, nella primavera scorsa, le voci dissidenti hanno visto restringersi i propri diritti.

Il report

Il rapporto di Human Rights Watch si compone di 37 pagine nelle quali sono state raccolte interviste e testimonianze a membri della comunità tartara, ma anche a giornalisti, editori, attivisti. Al documento è stato affiancato un video che testimonia le intimidazioni e le aggressioni che in particolare i tartari della Crimea sono costretti a subire.

“Mentre l’attenzione del mondo è tutta per ciò che sta accadendo nell’Ucraina orientale, le violazioni dei diritti civili in Crimea hanno subito un’impennata” ha dichiarato Yulia Gorbunova, che si occupa di Europa e Asia orientale per Human Rights Watch: “Le autorità stanno perseguendo coloro che hanno osato esprimere posizioni apertamente critiche nei confronti dell’operato della Russia nella penisola”.

diritti crimea, russia, tartati, Human Rights Watch

Photo by Wikipedia Commons

La nazionalità

Secondo quanto sostiene Human Rights Watch, in Crimea le autorità hanno messo la popolazione di fronte a un bivio: accettare di diventare cittadini russi oppure rifiutare e vivere da stranieri in patria, con il rischio di essere espulsi in futuro. “Mosca non sta davvero offrendo un’opportunità ma sta obbligando i civili a scegliere tra la cittadinanza russa o una vita di discriminazioni – o peggio” ha dichiarato Yulia Gorbunova.

La violazione dei diritti

Affermando di voler prevenire e combattere derive estremiste, le autorità della Crimea hanno spesso proceduto a perquisizioni (in alcuni casi non autorizzate) nelle moschee, nelle abitazioni, nelle scuole della comunità tartara alla ricerca di droga, armi o materiale vietato. Alcuni editori sono stati avvisati: se non cambieranno la loro linea ritenuta anti-russa, le pubblicazioni dovranno cessare.

Human Rights Watch chiede alla Russia e alle autorità della Crimea di permettere l’accesso nella penisola a osservatori internazionali affinché sia fatta piena luce su ciò che sta accadendo nella regione.

Immagine in evidenza: photo by Ralf SchulzeCC BY 2.0

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: