•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 27 giugno, 2015

articolo scritto da:

Terrorismo, tutte le mete a rischio

terrorismo isis siria

L’attenzione del Viminale, che è stata sempre alta, lo è ancor di più dopo gli ultimi attentati. Se la strage al Charlie Hebdo aveva segnato un punto di non ritorno in quella che è la lotta al terrorismo, quello di matrice islamica esattamente, rischiano di diventarlo ancora di più le stragi degli ultimi giorni.

Il portavoce Isis: “Siate pronti al martirio”

L’Isis sembra sempre più vicino a noi. Qualche giorno fa l’avviso, via internet, di Abu Mohammed  Al-Adnani a tutto l’Occidente: “Il gesto migliore per avvicinarvi a Dio è la jihad, quindi sbrigatevi a farlo durante questo mese e siate pronti al martirio”. Parole destinate a generare terrore e a confermare i timori degli analisti internazionali che vedevano nell’inizio del Ramadan il combustibile per una nuova offensiva. Confermata poi dai fatti: Kuwait, Tunisia e la vicinissima Francia si ritrovano già tragicamente a contare le proprie vittime.

Isis

Tagliagole in casa nostra

Già, la Francia. A Lione si è consumato l’ultimo eclatante gesto del terrorismo islamico. Il macabro spettacolo cui finora avevamo assistito a distanza, quasi fosse una delle tante serie televisive prodotte all’estero, si è materializzato in casa nostra: l’Europa. Fin qui sono arrivati i taglia gole dell’Isis. A Lione, appunto. Così vicino che sembra quasi volerci urlare in faccia la sua cruda e crudele realtà.

Terrorismo, 37 i presunti jihadisti già espulsi dall’Italia

Dall’inizio dell’anno il ministro Angelino Alfano ha firmato i decreti di espulsione di 37 jihadisti, o presunti tali. Stranieri vicini ai fondamentalisti segnalati dalla polizia di prevenzione e dai Ros dei carabinieri. Nei loro confronti nessuna accusa se non verso la capacità di fare proseliti e quindi di poter incitare al fondamentalismo. Il capo della Polizia Alessandro Pansa ha richiamato l’attenzione di questure e prefetture sollecitando “particolari controlli” in luoghi affollati che potrebbero assumere valore simbolico per eventuali cellule fondamentaliste: centri commerciali, aziende pubbliche o private rientrerebbero tra questi.

Il ministro dell'Interno Alfano

Uno scenario in continua evoluzione

L’allarme terrorismo è altissimo. Altrettanto alto è il pericolo emulazione. Il livello di guardia deve esserlo altrettanto. Alfano ha sintetizzato: “Nessun Paese è a rischio zero”. Impiegare l’esercito per sorvegliare gli obiettivi sensibili è solo il primo dei provvedimenti in atto. Va aggiornata di ora in ora la lista dei luoghi a rischio. Una lista che comprende, ovviamente, anche le mete turistiche a rischio.

Il sito della Farnesina

Guardare fuori dai confini del nostro Paese con l’obiettivo di salvaguardare i nostri connazionali all’estero è il compito della Farnesina. A tal proposito è sempre consultabile il sito del ministero degli Esteri prontamente aggiornato con le mete, turistiche e non solo, maggiormente a rischio attentati e guerre. Una ricostruzione a cui ha fatto seguito anche l’infografica del Corriere della Sera, che delinea ulteriormente i confini del rischio.

Lo scenario muta in continuazione. Mutevole prima, con l’Isis ancor di più. Cambiano le alleanze tra le varie fazioni islamiche e con esse le aree di pericolo mutano, si spostano.

In Kenya fa tremare Al Shabaab

In Kenya a far paura sono gli Al Shabaab che secondo alcuni possono contare su un esercito di circa sei mila uomini. Dalla loro l’alleanza con Al Qaeda e la rivendicazione di numerosi attentati.

Nella lista nera il Cairo

L’attenzione della Farnesina è alta sul Cairo, città inserita nella “lista nera” delle mete più a rischio: “Evitare i viaggi non indispensabili in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e di quelle del mar Mediterraneo”.

In Egitto: “Turbative per la sicurezza e azioni ostili”

Il Ministero degli Esteri sottolinea: “In Egitto si continua a registrare un clima che spesso sfocia in turbative per la sicurezza e in azioni ostili anche di stampo terroristico, situazione di cui ogni connazionale deve essere pienamente consapevole e pertanto elevata attenzione va mantenuta nei periodi dell’anno che fanno registrare maggiore afflusso di turisti stranieri”.

Nel Maghreb: “Osservare estrema cautela”

Altra zona a rischio, quella del Maghreb. La Farnesina invita ad “osservare estrema cautela nelle grandi città a elevata presenza turistica come Fez, Rabat, Marrakech, Casablanca e Salé”.

Attenzione alta in Thailandia: “Una serie di quattro attentati”

La situazione non può certo dirsi migliore spostandosi verso Oriente fino in Thailandia : “Una serie di quattro attentati (di cui due a febbraio di fronte a un centro commerciale nel cuore della capitale e al Tribunale di Bangkok e due il 10 aprile nel parcheggio di un centro commerciale sull’isola di Samui e in un grande magazzino nei pressi di Surat Thani) ha causato alcuni feriti e rende pertanto opportuno mantenere un comportamento improntato alla massima cautela soprattutto nei luoghi di maggiore frequentazione”.

 

 

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: