•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 7 luglio, 2015

articolo scritto da:

Il governo ignora il Parlamento su interpellanze e interrogazioni

Renzi "Non cambierò l'Italicum"

Disintermediare per sopravvivere. Sembra essere questo il motto di un governo, il Renzi I, che ha fatto di tweet e di slide il suo pane quotidiano. L’indirizzo politico non lo danno più le infinite riunioni di partito o le adunate in sezione con i militanti. Oggi basta un videomessaggio con lavagna alle spalle, un gelato offerto ai giornalisti stranieri o una chiacchierata con Del Debbio a Quinta Colonna.  Così anche la funzione del Parlamento ne esce pesantemente ridimensionata. Basta osservare i dati sull’attività delle Camere relativi all’attuale legislatura (governi Letta-Renzi) aggiornati al mese di maggio per accorgersene.

Secondo le banche dati del Sindacato ispettivo di Montecitorio e Palazzo Madama, infatti, fino a due mesi fa su 22.622 tra interpellanze e interrogazioni parlamentari presentate nell’attuale legislatura, il governo ha risposto solo a 7.322 di queste, pari al 32,3%. Numeri che, se sviscerati ancora, mettono in rilievo quanto il governo tenda a snobbare maggiormente il Senato rispetto alla Camera. A Palazzo Madama, infatti, le risposte alle interrogazioni/interpellanze di ministri e Presidente del Consiglio sono state in tutto solo 1.333 cioè poco più del 20% rispetto alle quasi 6mila (5.968) presentate. Alla Camera il governo riesce a far meglio, ma con numeri ancora molto risicati: 5.989 risposte su 16.654 (35,9%). Eppure, proprio al Senato una maggioranza vera e propria non c’è. I numeri ballano e gli scossoni per il governo continueranno a farsi sentire soprattutto quando in aula arriveranno le riforme calde (Rai, Senato, unioni civili).

I numeri impietosi dei governi Letta-Renzi sono addirittura peggiori di quelli raccolti nella legislatura precedente. Come riportava Open Polis a fine 2014, infatti, il governo Berlusconi IV aveva risposto al 39,33% delle interrogazioni parlamentari presentate mentre il governo tecnico guidato da Mario Monti si era fermato al 29,33%.

Una situazione questa che, secondo il componente di Sel della Giunta del regolamento e dell’Ufficio di Presidenza della Camera Gianni Melilla, “impedisce ai parlamentari, tanto di minoranza quanto di maggioranza, l’esercizio di una loro prerogativa fondamentale volta ad assicurare piena trasparenza, conoscenza e controllo del complesso dell’attività dell’esecutivo”. Se aggiungiamo anche il “ricorso sistematico alla decretazione d’urgenza – ha concluso Melilla al fattoquotidiano.it – ci rendiamo conto del livello inaccettabile di limitazione dei poteri costituzionali delle Camere”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: