pubblicato: mercoledì, 16 Dicembre, 2015

articolo scritto da:

ISIS e terrorismo, le mappe del terrore

ISIS e terrorismo, mappa dell'Europa

ISIS e terrorismo, le mappe del terrore

Il tema del terrorismo, causato dall’ISIS o dai suoi affiliati, da Al Qaeda e da ciò che l’ha sostituito, ha una complessità che rende necessario riassumere i temi con mappe e infografiche, ed è quello che cerchiamo di fare proponendone alcune sugli attacchi degli ultimi anni, anche prima di quelli di Parigi.

ISIS e terrorismo, prima di Parigi Europa alla periferia del terrore

Ci eravamo già occupati di mappe e video sull’argomento, ma Vision of Humanity ha fatto una mappa degli attacchi terroristici dal 2000 al 2013, gli incidenti grandi o piccoli, con pochi morti o migliaia. Emerge l’attacco alle Torri Gemelel con i suoi 3 mila morti e poi la strage di Beslan, ma se osserviamo la frequenza degli attacchi, ovvero la possibilità di trovarsi coinvolti nella vita quotidiana, l’Europa e gli USA, per non parlare di Australia, Cina e Giappone, sono piuttosto ai margini.

Ai primi posti vi sta il Medio Oriente naturalmente, l’Afghanistan, con lo stillicidio di attentati che spesso non viene ripreso neanche dai media, vista la frequenza.

E poi lo Sri Lanka, dilaniato da una guerra civile fino al 2009, le Filippine, con i guerriglieri islamici di Mindanao, e la Colombia con le FARC e i paramilitari

ISIS e terrorismo, mappa del mondo

 

Avvicinando lo sguardo al Medio Oriente, e osservando i soli attentati suicidi, il confine afghano-pakistano, e poi Libano, Israele e Ovest Siria sono martoriati, assieme alla Cecenia.

Notiamo solo pochissimi puntini in Europa, uno in Spagna, Inghilterra, Svezia e Finlandia.

Non si può neanche effettuare un paragone

ISIS e terrorismo, mappa del Medio Oriente

ISIS e terrorismo in Europa oggi, Italia ai margini

E l’Europa oggi?

Questa mappa è la più recente, successiva alle stragi di Parigi, e riassume gli attentati dell’ISIS realizzati direttamente o ispirati, la quantità di foreign fighters partiti per la Siria, gli arreti e le allerte.

L’Italia è tra i Paesi con meno partenze per combattere in Siria, nonchè meno attacchi, nessuno in realtà, e pochi arresti.

E’ certamente uno degli obiettivi presunti e l’allerta e alta, ma non pare l’ISIS ci abbia particolarmente nel suo mirino quanto a operazioni.

Almeno per ora.

ISIS e terrorismo, mappa dell'Europa

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: