•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 16 dicembre, 2015

articolo scritto da:

ISIS e terrorismo, le mappe del terrore

ISIS e terrorismo, mappa dell'Europa

ISIS e terrorismo, le mappe del terrore

Il tema del terrorismo, causato dall’ISIS o dai suoi affiliati, da Al Qaeda e da ciò che l’ha sostituito, ha una complessità che rende necessario riassumere i temi con mappe e infografiche, ed è quello che cerchiamo di fare proponendone alcune sugli attacchi degli ultimi anni, anche prima di quelli di Parigi.

ISIS e terrorismo, prima di Parigi Europa alla periferia del terrore

Ci eravamo già occupati di mappe e video sull’argomento, ma Vision of Humanity ha fatto una mappa degli attacchi terroristici dal 2000 al 2013, gli incidenti grandi o piccoli, con pochi morti o migliaia. Emerge l’attacco alle Torri Gemelel con i suoi 3 mila morti e poi la strage di Beslan, ma se osserviamo la frequenza degli attacchi, ovvero la possibilità di trovarsi coinvolti nella vita quotidiana, l’Europa e gli USA, per non parlare di Australia, Cina e Giappone, sono piuttosto ai margini.

Ai primi posti vi sta il Medio Oriente naturalmente, l’Afghanistan, con lo stillicidio di attentati che spesso non viene ripreso neanche dai media, vista la frequenza.

E poi lo Sri Lanka, dilaniato da una guerra civile fino al 2009, le Filippine, con i guerriglieri islamici di Mindanao, e la Colombia con le FARC e i paramilitari

ISIS e terrorismo, mappa del mondo

 

Avvicinando lo sguardo al Medio Oriente, e osservando i soli attentati suicidi, il confine afghano-pakistano, e poi Libano, Israele e Ovest Siria sono martoriati, assieme alla Cecenia.

Notiamo solo pochissimi puntini in Europa, uno in Spagna, Inghilterra, Svezia e Finlandia.

Non si può neanche effettuare un paragone

ISIS e terrorismo, mappa del Medio Oriente

ISIS e terrorismo in Europa oggi, Italia ai margini

E l’Europa oggi?

Questa mappa è la più recente, successiva alle stragi di Parigi, e riassume gli attentati dell’ISIS realizzati direttamente o ispirati, la quantità di foreign fighters partiti per la Siria, gli arreti e le allerte.

L’Italia è tra i Paesi con meno partenze per combattere in Siria, nonchè meno attacchi, nessuno in realtà, e pochi arresti.

E’ certamente uno degli obiettivi presunti e l’allerta e alta, ma non pare l’ISIS ci abbia particolarmente nel suo mirino quanto a operazioni.

Almeno per ora.

ISIS e terrorismo, mappa dell'Europa

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: