articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Sondaggi trivelle: gli italiani stanno con l’ambiente

sondaggi trivelle, referendum trivelle,

Sondaggi trivelle: Swg ha intervistato 2mila italiani su tutela dell’ambiente e opportunità di un referendum sull’estrazione del petrolio. Innanzitutto, da notare che per la maggioranza del campione intervistato, allo stato attuale, la qualità ambientale in Italia è seriamente minacciata (52%) o comunque “vive alcuni pericoli” (41%). Da sottolineare, quindi, che per il 64% del campione la tutela dell’ambiente è una “necessità” ancorché un “valore” (22%). Diametralmente, una buona fetta del paese (59%) ritiene sia giusto rinunciare al petrolio pur di salvaguardare completamente la qualità ambientale. Solo il 24% degli intervistati ritiene che si possa rinunciare alla qualità ambientale in favore dell’indipendenza energetica.

sondaggi trivelle, referendum trivelle,

Sondaggi trivelle: gli italiani stanno con l’ambiente

Solo il 22% degli intervistati è ben informato riguardo al referendum di aprile sulla trivellazione dei giacimenti marini di petrolio; molto più consistente il fronte di chi ne ha sentito parlare solo vagamente (40%) o proprio per niente (38%). Di contro, ben il 43% del campione afferma che l’idea di trivellare il mare per estrarre il petrolio sia sbagliata in quanto dannosa per l’eco sistema mentre il 32% pensa che, seppur giuste, le trivellazioni in mare debbano essere condotte prestando la giusta attenzione all’ambiente.

Il dato che emerge dalla rilevazione Swg è che, se puntualmente e correttamente informati, gli italiani hanno a cuore la consultazione in merito alla questione “trivelle”: la realizzazione di un referendum sull’argomento è “molto importante” per il 33% del campione e “abbastanza importante” per il 41% – solo il 10% pensa che non conti nulla. Ancora più importante notare che, alla domanda “Lei al referendum, voterà per fermare l’estrazione di gas e petrolio in mare entro 12 miglia dalla costa, alla scadenza delle concessioni attualmente ancora valide?”, il 78% degli intervistati ha risposto “si”.

ultima modifica: sabato, 5 Marzo 2016