Marò, Mogherini: “Canale aperto con l’India”

Pubblicato il 6 Giugno 2014 alle 11:10 Autore: Carmela Adinolfi

Sulla vicenda Marò “canale aperto con la collega indiana” Sushma Swaraj. Il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, rassicura sulla vicenda che vede coinvolti i due fucilieri della marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, riferendo al Gr1 dell’incontro con la collega indiana del neonato governo di Narenda Modi. “È stato un dialogo con un clima costruttivo, abbiamo discusso di come affrontare la questione: ci siamo lasciate con l’idea di risentirci o vederci” in breve tempo ha detto la titolare della Farnesina. Tempi ancora lunghi, dunque: questo, in sintesi, il senso delle dichiarazioni del ministro, sulla risoluzione della vicenda che vede trattenuti, da più di due anni, i fucilieri della marina militare italiana in India.

mogherini marò

“Il governo Renzi ha deciso di internazionalizzare la gestione di questa vicenda” ha detto Federica Mogherini. Ciò vuol dire “uscire dalla logica puramente bilaterale” e “usare gli strumenti che il diritto internazionale offre” per risolvere i conflitti di giurisdizione. Il ministro Mogherini ha ricordato che i marò Latorre e Girone sono “coperti da immunità funzionale”, in quanto impegnati al momento dei fatti in una missione internazionale antipirateria. Precisazioni, quelle del ministro del governo Renzi, che sono state presentate anche nel colloquio dello scorso 3 giugno con la collega indiana. “Un incontro improntato – ha riferito il ministro italiano – a un clima molto costruttivo”.  Mogherini ha chiarito che si è aperta “una fase nuova ma che non bisogna nascondersi che è complessa e può essere lunga”. “Non esiste – ha sottolineato il ministro – una bacchetta magica per risolvere questa situazione: quindi massimo impegno e massima condivisione, umana e delle decisioni, insieme a loro”.
Carmela Adinolfi

 

L'autore: Carmela Adinolfi

Classe '89. Una laurea triennale in comunicazione e una specializzazione in Semiotica all'Alma Mater Studiorum. Da Salerno a Perugia, passando per Bologna. Esperta in comunicazione politica, ha approfondito l'ascesa al potere di Matteo Renzi. Interessi: dal marketing alla comunicazione politica fino alle nuove forme di giornalismo digitale. Scrive per Termometro Politico e si allena per diventare giornalista.
    Tutti gli articoli di Carmela Adinolfi →