articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Sondaggi elettorali: il Movimento 5 Stelle paga caro il caso Raggi

sondaggi elettorali index 2

Sondaggi elettorali: il Movimento 5 Stelle paga caro il caso Raggi

Gli effetti del caso Raggi sulle intenzioni di voto degli italiani cominciano a manifestarsi. Secondo un sondaggio Index per Piazza Pulita, il Movimento 5 Stelle nell’ultima settimana perde mezzo punto percentuale attestandosi al 29%, a pari punti con il Partito Democratico (anche lui in calo dello 0,1%). Una sostanziale parità tra le due maggiori forze politiche del Paese. A guadagnare terreno è invece la Lega Nord che passa dal 13,8% di una settimana fa alla cifra tonda del 14%. Forza Italia continua invece a scendere. Ora è sotto il 12% (11,9%).

sondaggi elettorali index 2sondaggi elettorali index 2

Sondaggi elettorali: Gentiloni piace

I modi pacati e seri del premier Paolo Gentiloni piacciono agli italiani. La fiducia nei suo confronti aumenta infatti di ben due punti percentuali raggiungendo il 35%, facendo di lui il leader politico più amato. Secondo Matteo Renzi che invece perde un punto percentuale e scende sotto quota 30. In calo di un punto anche Beppe Grillo che si trova in terza posizione. Anche lui paga gli effetti del caso Raggi. Il garante del Movimento 5 Stelle è visto dalla base pentastellata come uno dei responsabili della crisi nella Capitale. E’ lui ad aver difeso ad oltranza la sindaca dagli attacchi degli ortodossi. Il calo di un punto quindi non stupisce. Come non stupisce il calo di punto percentuale per Luigi Di Maio per gli stessi motivi.

Ne traggono vantaggio i leader lepenisti, Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Entrambi guadagnano un punto percentuale con la prima che sale alla quarta posizione e il secondo alla quinta.sondaggi elettorali fiducia 2sondaggi elettorali fiducia 2

Sondaggi elettorali: Merkel la meno amata

Per quanto riguarda i leader mondiali si evince che agli italiani l’uomo forte non piace. Putin e Trump raccolgono rispettivamente solo il 25 e il 31% delle preferenze mentre Le Pen appena il 12%. La cancelliera tedesca paga invece il fatto di essere la promotrice dell’austerità, mal vista in Italia. Per questo piace solo al 10% degli intervistati. Chi invece riscontra il gradimento degli italiani, è il presidente della Bce, Mario Draghi, apprezzato dal 47% degli intervistati.
sondaggi elettorali leader mondiali

ultima modifica: venerdì, 10 Febbraio 2017