11/02/2017

Sondaggi politici, per Demos sette veneti su dieci vorrebbero una maggiore autonomia

autore: Giacomo Salvini
sondaggi politici Veneto

Sondaggi politici, per Demos sette veneti su dieci vorrebbero una maggiore autonomia

Sette veneti su dieci chiedono una maggiore autonomia rispetto allo Stato centrale e solo il 20% di questi vorrebbe mantenere lo status attuale. A rilevarlo è l’ultimo sondaggio dell’Osservatorio Demos realizzato tra il 9 e l’11 gennaio e pubblicato lunedì scorso sul Gazzettino Veneto. L’opinione dei cittadini veneti si inserisce all’interno di una nuova fase politica inaugurata dal governatore leghista, Luca Zaia. Da mesi si parla di lui anche in chiave nazionale come possibile candidato premier del centrodestra ma nel frattempo Zaia ha annunciato di voler indire un referendum per presentarsi con una posizione di forza a trattare con Roma.

sondaggi politici elettorali

Ma cosa significa “autonomia” per i veneti? Il 59% degli intervistati (in crescita rispetto a settembre scorso, +7%) pensa ad un’equiparazione con il Trentino Alto-Adige, una delle cinque Regioni a statuto speciale previste dalla nostra Carta costituzionale. Un quarto di essi (25%) vorrebbe uno Stato federale, autonomo ma “dentro l’Italia” mentre solo l’8% appoggia la storica battaglia bossiana del separatismo veneto.

sondaggi politici Veneto

Sondaggi politici, Lega spaccata sul referendum veneto

Secondo Demos, coloro che spingono maggiormente per l’autonomia del Veneto sono soprattutto gli adulti tra i 25 e 64 anni (con una parentesi discendente nella fascia centrale, ovvero 45-54) mentre la percentuale dei favorevoli scende tra i più giovani e gli anziani (entrambi al 51%). Per quanto riguarda la categoria professionale, sono gli imprenditori (69%) e gli operai (62%) a trainare il carro dell’autonomia veneta, mentre più diffidenti sono i liberi professionisti (55%), studenti (54%) e casalinghe (53%). Infine, l’analisi dell’elettorato.

Il partito più spaccato sul concetto di “autonomia” è sicuramente la Lega Nord, divisa tra la battaglia secessionista di bossiana memoria e il nuovo corso sovranista intrapreso dal segretario Matteo Salvini. Il 57% dell’elettorato leghista vorrebbe una Regione autonoma come il Trentino mentre il 40% un vero e proprio Stato federale.

NOTA INFORMATIVA

L’Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 9-11 gennaio 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1011 persone (rifiuti/sostituzioni: 10374), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d’età (margine massimo di errore 3.08%). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all’unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.

Autore: Giacomo Salvini

Studente di Scienze Politiche alla Cesare Alfieri di Firenze. 20 anni, nato a Livorno. Mi occupo di politica e tutto ciò che ci gira intorno. Collaboro con Termometro Politico dal 2013. Su Twitter @salvini_giacomo
Tutti gli articoli di Giacomo Salvini →