Pubblicato il 01/04/2017 Ultimo aggiornamento: 10 Luglio 2017 alle 15:51

Mappe: tutto il patrimonio Unesco in una sola mappa

autore: Guglielmo Sano
mappe, patrimonio unesco italia

Mappe: tutto il patrimonio Unesco in una sola mappa

Aggiornamento 10/07/2017 —> Anche Faggete vetuste e Mura veneziane dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Adesso, sono 53 i siti italiani ad aver ottenuto il prestigioso riconoscimento

Nella mappa riportata di seguito la dimensione degli stati è stata modificata in base al rispettivo numero di patrimoni dell’umanità riconosciuti dall’Unesco. Sono corredati dal nome soltanto i primi 10 stati per quantità di siti naturali, artistici e misti ritenuti di valore universale dall’agenzia ONU.

mappe, patrimonio unesco

Secondo l’ultimo aggiornamento effettuato, la lista è attualmente composta da un totale di 1052 siti. 814 i beni culturali, 203 quelli naturali, oltre a 35 misti, localizzati in 165 diversi stati del mondo.

Mappe: tutto il patrimonio Unesco in una sola mappa

L’Italia è la nazione a detenere il maggior numero di siti inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità (51 siti), seguita dalla Cina (50 siti) e dalla Spagna (45 siti). Anche la Francia e la Germania hanno più di 40 patrimoni, con rispettivamente 42 e 41 siti riconosciuti. India e Messico ne possiedono rispettivamente 35 e 34.

mappa, patrimoni unesco

Come è possibile notare dalla grafica riportata sotto, la maggior parte dei patrimoni italiani è concentrata in 4 regioni. Si tratta di Lombardia, Toscana, Campania e Sicilia.

mappe, patrimonio unesco italia

Oltre ai siti già riconosciuti, ad oggi, l’Italia candida ben 41 luoghi per l’ottenimento dello status di patrimonio Unesco.

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →