articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Sondaggi SWG: cresce percentuale di italiani che vogliono la dittatura

sondaggi politici dittatura

Sondaggi SWG: cresce percentuale di italiani che vogliono la dittatura

In tempi di crisi, generalmente, fioriscono i personalismi, le leadership forti e le soluzioni radicali. In periodi di difficoltà economica e contrasto sociale, sorge con maggior frequenza la domanda su cosa sarebbe meglio. È preferibile procedere con riforme progressive per un certo periodo, o forzare un regime dittatoriale breve, per “normalizzare” la situazione? Questa volta, una delle più tipiche domande “da bar”, viene posta dall’istituto demoscopico SWG. La domanda è la seguente;

Per riuscire a cambiare realmente l’Italia e fare riforme vere e durature, secondo lei ci vorrebbe…

Con tre possibili risposte. Oltre il “Non sa” (che si mantiene abbastanza stabile e con una deviazione minima tra una rilevazione e l’altra) troviamo: “un governo e un Parlamento determinati a fare interventi radicali e progressivi per almeno 10 anni”; l’altra, la soluzione radicale, che vuole “una dittatura di 4-5 anni per ripulire a fondo il Paese”. Quest’ultima opzione recupera consensi.

Sondaggi SWG: il 23% del campione vorrebbe la dittatura

Rispetto all’ultima rilevazione – datata settembre 2016 – la percentuale di persone che preferirebbero la dittatura all’intervento radicale ma ordinario e prolungato nel tempo, cresce del 4%. Si passa dal 19% al 23% di maggio 2017. Di rimando, scende leggermente il numero di persone che preferirebbe la via delle riforme. Questi passano dal rappresentare il 68% del campione, al 66%. Scende di un paio di punti percentuali la quota degli indecisi.

Sondaggi SWG: polarizzazione come causa della soluzione radicale?

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali

L’ultima rilevazione è datata settembre 2016. Probabilmente, il climax di attacchi sul referendum – da una parte e dall’altra – ha esacerbato i contrasti all’interno della popolazione. Le dimissioni di Renzi – pilastro della politica italiana degli ultimi 3 anni – da Primo Ministro e da Segretario PD hanno smorzato gli animi degli elettori ‘dem’ (ma non solo). Altri, invece, hanno cavalcato l’onda della vittoria schiacciante del ‘No’ per continuare a fomentare un progetto anti-sistema. Il tutto, ha prodotto una polarizzazione che si è estesa nel tempo (non conclusa il 4 dicembre) e che può aver stimolato l’idea della soluzione radicale.

sondaggi politici dittatura

Nota metodologica: valori espressi in %. Date di esecuzione: 2 – 4 maggio 2017. Metodo di rilevazione: sondaggio CATI-CAMI-CAWI su un campione di 1.500 soggetti maggiorenni residenti sul territorio nazionale.

ultima modifica: giovedì, 25 Maggio 2017