06/09/2017

Test medicina 2017: risultati prova, ecco come vederli

autore: Alessandro Faggiano

Test medicina 2017: risultati prova, ecco come vederli

Il test d’ingresso per la facoltà di medicina – rituale che si compie ogni anno alle idi di settembre in tutta Italia – è alle spalle. Alea iacta est. Adesso, non resta che aspettare i risultati. Ma l’attesa può essere snervante. I risultati individuali non si sapranno prima del 19 settembre. Altre due settimane, quindi, per scoprire ufficialmente il proprio punteggio. Per la graduatoria, invece, bisognerà aspettare almeno il 3 ottobre. Tuttavia, c’è già la possibilità di conoscere – in via approssimata – il proprio risultato. La “soluzione” la offre lo stesso Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Concorso dirigente scolastico: bando in uscita, ma Anief protesta

Test medicina 2017: la risposta è sempre la “A”

Come riporta il portale ministeriale, si possono tutte le risposte esatte del test di medicina. Sulla pagina del MIUR è possibile reperire il test per l’accesso programmato alla facoltà di medicina. L’ordine delle risposte non è lo stesso di quello trovato nei test. Di fatti, la risposta corretta – per il link alla pagina, CLICCA QUI – è sempre la “A”. Se ricordate, quindi, le vostre risposte, potrete fare un calcolo approssimato del risultato ottenuto. Chiaramente, ricordare le risposte di 60 domande non è semplice. Proprio per questo, si tratta di una prima stima autovalutativa.

Test medicina 2017: tra logica (molta), biologia, fisica e matematica

Il test si compone di 60 domande. Un quarto di queste si basano sulla logica. Alcune sono abbastanza elementari; per altre, invece, bisogna ingegnarsi un po’ e non lasciarsi trasportare dalla fretta. La parte più sostanziosa del test è, evidentemente, quella legata a chimica e – specialmente – biologia. Ben 30 domande per questa sezione. Praticamente, la metà del quiz. Presenti anche due domande di cultura generale. Una, sui patti lateranensi. L’altra, sull’autore del testo di “Dal big bang ai buchi neri”. Per chi non lo sapesse, è del celebre scienziato Stephen Hawking. Tra le possibili risposte, vi erano anche Margherita Hack e Piero Angela.

Autore: Alessandro Faggiano

Caporedattore di Termometro Sportivo e Termometro Quotidiano. Analista politico e politologo. Laureato in Relazioni Internazionali presso l'Università degli studi di Salerno e con un master in analisi politica conseguito presso l'Universidad Complutense de Madrid (UCM).
Tutti gli articoli di Alessandro Faggiano →