• 73
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 5 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 4 marzo 2018: risultati M5S al sud, dove ha vinto

elezioni 4 marzo 2018

Elezioni 4 marzo 2018: risultati M5S al sud, dove ha vinto

Lo scrutinio dei collegi è ancora in corso ma ecco arrivare piano piano i risultati di queste appena trascorse elezioni del 4 marzo 2018. Uno dei dati più evidenti è il grande risultato del M5s, che soprattutto al Sud ha avuto la prevalenza in molti collegi. Vediamo più nel dettaglio.

Elezioni 4 marzo, Campania: plebiscito per Di Maio

Si tratta quindi di un grande successo, anche e soprattutto al Mezzogiorno, per il movimento pentastellato. Partendo dalla Campania e scendendo giù infatti, il colore predominante, sia per la Camera che per il Senato, sembra essere proprio il giallo; la squadra Luigi Di Maio, quindi, ha fatto l’en plein. Lui per primo, che al collegio uninominale di Acerra-Pomigliano D’Arco per la Camera ottiene un risultato praticamente plebiscitario; il candidato premier grillino ha infatti battuto gli avversari con il 63,4% di voti. Rimasti molto indietro quindi sia il candidato per il centrodestra Vittorio Sgarbi (20,37%) che Antonio Falcone (12%) per il centrosinistra.

Anche a Napoli città la vittoria è piena: 4 collegi su 4 per la Camera conquistati dal M5s – Roberto Fico a ovest (58%), Raffaele Bruno al centro (44%), Rina De Lorenzo a est (62%) e Doriana Sarli al Vomero (49%) – secondo il cdx e in fondo in csx. Pentastellati davanti anche a Salerno con Nicola Provenza al 39%; per quanto riguarda il proporzionale, anche lì il trend che vede in cime i cinque stelle viene confermato. Ha vinto a Castellammare anche Catello Vitiello, il candidato grillino ex massone che Di Maio aveva invitato a firmare la rinuncia.

Elezioni 4 marzo, boom M5s anche in Sicilia e Sardegna

Di tinte gialle si veste anche la Sicilia e la Sardegna; anche in queste due regioni infatti il M5s sembrerebbe aver conquistato la vittoria in tutti i collegi uninominali, sia per la Camera che per il Senato. Il consenso, che ha superato il 48%, ha riportato alla memoria il risultato del centrodestra quando Berlusconi e Cuffaro riuscirono a portare a casa un 61 a 0 – era il 2001. La situazione, ad oggi, ha subito un completo ribaltamento; a rimanere a mani vuote sono sia il cdx che il csx.

In particolare in Sicilia, dove è stata osservata la più bassa affluenza alle urne (62,7%, dieci punti in meno della media nazionale), il M5s ha attenuto un risultato sorprendente; siamo quasi alla maggioranza assoluta con il 48% dei consensi ottenuti, dato che sarà a questo punto confermato anche per quanto riguarda gli uninominali. Stesso discorso anche in Calabria, dove in particolare a Cosenza Nicola Morra ha ottenuto oltre il 50% dei consensi; “emozionante” – questo l’aggettivo utilizzato dai grillini stessi – anche il risultato registrato in Puglia dove il M5s è primo partito sia alla Camera che al Senato. Fatta eccezione per Foggia, dove c’è una prevalenza del candidato del centrodestra, la “vittoria in giallo” è quasi certa nei 24 collegi uninominali.

 

PAGINA SPECIALE SULLE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: