• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 7 marzo, 2018

articolo scritto da:

Champions League: Juventus al bivio Wembley. Vincere è l’imperativo

higuain khedira juventus ultime notizie analisi

Champions League: Juventus al bivio Wembley. Vincere è l’imperativo

Questa sera alle ore 20:45 andrà in scena nel mitico “Wembley” di Londra la sfida valida per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League Tottenham-Juventus.

Nel match di andata disputatosi all’”Allianz Stadium” di Torino la sfida è terminata con il risultato di 2-2 grazie alla doppietta di Higuain per i bianconeri, rimontata successivamente dalle reti di Kane prima ed Eriksen dopo.

Champions League: Juve obbligata alla vittoria, il Tottenham per eguagliare la propria storia

I ragazzi di Max Allegri per poter superare il turno hanno bisogno di un solo risultato: la vittoria. In alternativa un pari dal 3-3 in su.

Il Tottenham dalla sua ha la doppia marcatura in trasferta che gli consentirebbe il passaggio ai quarti anche in caso di segno X (0-0 o 1-1).

Riuscisse a passare il turno, la squadra di Pochettino eguaglierebbe il suo miglior piazzamento nella storia nella massima competizione europea per club ottenuto nel 2011 quando, dopo aver eliminato il Milan negli ottavi di finale, si dovettero arrendere alla supremazia del Real Madrid nei quarti cedendo col risultato complessivo di 0-5 (4-0 a Madrid, 0-1 a Londra).

L’ultima eliminazione bianconera negli ottavi di finale risale a soli due anni fa, quando la “Vecchia Signora” si arrese al Bayern Monaco non senza polemiche di carattere arbitrale.

Liga spagnola, 27a giornata: Barça in fuga, Atletico ko. Bene Real e Valencia

Champions League: le ultime di Tottenham-Juventus

I padroni di casa, nonostante il piccolo vantaggio nel risultato, sanno che la qualificazione resta in salita vista l’esperienza ben più ampia della Juventus.

Nonostante ciò, è difficile che Pochettino punti ad una partita di ripartenza, metodologia che non si sposa affatto con le sue caratteristiche di gioco. Ragion per cui lo schieramento tattico del Tottenham sarà il classico 4-2-3-1, autentico marchio di fabbrica dell’allenatore argentino.

La difesa dovrà fare a meno di Aurier (squalificato) e probabilmente ancora di Alderweireld. Davanti spazio ai quattro tenori, in mediana ci vanno Dier e Dembelé.

La Juventus dal canto suo dovrà fare a meno di tanti giocatori, fra cui Mandzukic, non convocato. Higuain è recuperato e partirà dal 1’ assieme a Dybala e Douglas Costa. Dietro ballottaggio sulla destra Barzagli-De Sciglio con l’esperto difensore che pare in netto vantaggio sul terzino ex Milan.

Los patriotas ligueros, puntata 4: Ramon Rodriguez Verdejo “Monchi”

Champions League: le probabili formazioni di Tottenham-Juventus

TOTTENHAM (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dier, Dembelé; Eriksen, Alli, Son; Kane.

Allenatore: Pochettino

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Barzagli, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Dybala.

Allenatore: Allegri

Arbitro: Szymon Marciniak (POL)

Champions League: dove vedere Tottenham-Juventus

La partita verrà trasmessa in chiaro su Canale 5, Canale 5 HD (505) e sul portale web Mediaset On Demand. Sarà comunque possibile vederla anche sui canali Premium Sport (370) e Premium Sport HD (380) o in streaming su Premium Play.

Il commento sarà affidato a Sandro Piccinini, coadiuvato da Antonio Di Gennaro.

Fischio d’inizio previsto per le ore 20:45.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: