• 123
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 8 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche, per IPSOS M5S forte tra i giovani non laureati

elezioni politiche

Elezioni politiche, per IPSOS M5S forte tra i giovani non laureati

E’ tempo di analisi, dopo Tecnè e SWG anche IPSOS ha svolto la propria indagine post voto per scoprire chi ha votato chi.

I risultati sono interessanti.

Innanzitutto non vi sono significative differenze tra i sessi. A differenza di quanto accade spesso all’estero, per esempio negli USA.

La Lega è stata votata leggermente di più dalle donne, come Forza Italia. Ma sono piccole differenze. Che invece ci sono nell’astensione, decisamente maggiore nel sesso femminile, 31,7% contro 27,5%

elezioni politiche

A livello di età invece si nota come il PD abbia un elettorato vecchio, è primo partito con il 27,3% tra gli ultra-65enni.

L’opposto del Movimento 5 Stelle, che supera la media nelle età più giovani, ma non trionfa più come un tempo tra i giovanissimi, da cui è prescelto nella stessa misura in cui è votato anche dai 35-64enni.

Equilibrio nell’elettorato leghista, si nota una maggiore forza della Lega tra i 50-64enni e una minore tra i più anziani. Tra cui invece Forza Italia supera il partito di Salvini.

elezioni politiche

Passando al titolo di studio forse si notano le maggiore differenze tra i partiti. Il Pd è bifronte, più forte sia tra i laureati che tra chi ha licenza elementare, e in particolare tra gli ultimi. Conta qui l’età media dei votanti, tra gli anziani l’istruzione è solitamente minore.

Il M5S a differenza del 2013 non ha più il massimo consenso tra i laureati, tra cui raccoglie meno del 30%, ma tra i diplomati, tra cui è al 36,1%. La Lega poi prende tra chi ha la licenza media il doppio di quanto riceve dai laureati. Più equilibrio in Forza Italia. Da notare il 6,5% tra i laureati di +Europa, che supera LeU e FdI

elezioni politiche

Elezioni politiche, PD vince tra i pensionati, Lega tra operai e artigiani, M5S tra i disoccupati

L’analisi forse più importante però è quella sul voto delle professioni alle ultime elezioni politiche.

Il Pd prevale tra i pensionati con il 27,6%, e questo non ci stupisce, visti i dati sul voto in base al’età.

E’ invece debolissimo tra i disoccupati, con il 10,35. Tra questi prevale il M5S, con il 37,2%, ma va bene anche Forza Italia, con il 20,4%

La Lega va molto bene tra gli operai, con il 23,6%, e peggio tra i ceti elevati. Che votano il PD più che proporzionalmente, ma anche, a sorpresa, il Movimento 5 Stelle.

Gli studenti premiano Liberi e Uguali con l’8,2%, e in generale le liste minori.

Il M5S fa il pieno tra i dipendenti pubblici, con il 41,6%, la Lega è più sbilanciata verso quelli privati.

elezioni politiche elezioni politiche

E infine il voto in base alla frequenza alla Messa.

Non ci sono più enormi differenze in base alla religione. I cattolici non votano molto diverso dagli altri.

I più assidui scelgono il PD più che proporzionalmente, ma il primo partito è il M5S con il 30,9%. Nel 2013 invece andava piuttosto male tra i cattolici. Ora non più. Tra questi poi Forza Italia supera la Lega, e va benino Noi con l’Italia.

elezioni politiche

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: