• 12
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 13 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni regionali Lazio: M5S ha perso per il calo a Roma?

elezioni regionali

Elezioni regionali Lazio: M5S ha perso per il calo a Roma?

Le elezioni regionali del Lazio dello scorso 4 marzo vedono il Movimento 5 Stelle al terzo posto (22,1%) dopo la coalizione del centrodestra (36,4%) e del centrosinistra (34,2%). Stessa cosa vale per l’elezione del Presidente della Regione. Il vincente Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra, è eletto con il 32,9% dei voti. Segue il candidato del centrodestra Stefano Parisi (31,2%) e la candidata cinquestelle Roberta Lombardi (27%).

Pur risultando la prima lista, scartando il secondo Pd di solo 0,8 punti percentuali (296mila), la performance del M5S non è stata all’altezza di quella contestuale delle politiche, dove il Movimento non solo risulta essere primo partito, ma stacca il secondo, il Partito Democratico, di 13,9 punti percentuali.

Sondaggi politici Piepoli-Euromedia: il voto delle donne il 4 marzo

A questo punto la domanda sorge spontanea: nel Lazio è l’effetto Raggi a penalizzare il Movimento 5 Stelle? Per rispondere, vediamo più da vicino i dati.

In sei delle nove città della provincia di Roma dove governano i cinquestelle, il Movimento incrementano, in percentuale, i voti rispetto alle ultime comunali. Le grandi città della provincia romana attorno alla Capitale, dunque, si confermano bastioni pentastellati.

Tra queste, saltano all’occhio Pomezia, Guidonia e Civitavecchia. A Pomezia, nel 2013 il Movimento 5 Stelle otteneva il 19,9%, risultato quasi raddoppiato alle regionali 2018 (36,1%). A Guidonia, città conquistata l’anno scorso, si è passati dal 20,6 al 26,4% dei consensi. Infine, a Civitavecchia, il M5S passa dal 15,9% del 2014 al 21%, pur piazzandosi al secondo posto dopo il Partito Democratico (22,9% dei voti).

Elezioni regionali Lazio: M5S ha perso per il calo a Roma?

E a Roma? Nelle amministrative romane del 5 giugno 2016, il M5S era primo partito con il 35,3% dei voti. Nelle regionali del 4 marzo, invece, i cinquestelle ottengono il 22% e, soprattutto, sono sorpassati, anche se di poco, dal Pd (22,5%). In termini assoluti, il Movimento passa da 420mila voti a 253mila (-167mila voti). Il Pd, invece, ne guadagna quasi 55mila. Mentre la coalizione di centrosinistra tutta, rispetto al 2016, ottiene un + 170mila voti.

A primo impatto potrebbe sembrare che i voti persi a Roma dal Movimento 5 Stelle nelle regionali siano confluiti nella coalizione di centrosinistra. In realtà è necessario attendere l’analisi dei flussi elettorali nella Capitale per poterne essere certi. Anche perché, nelle regionali 2018 a Roma, non è solo il centrosinistra a guadagnare consensi rispetto alle amministrative 2016. Il centrodestra passa dal 19,6 al 32,9% (+145mila voti). In questo senso, altra variabile da considerare per lo studio dei flussi elettorali è il numero dei votanti, aumentati del 6,1% (nel Comune di Roma, nelle regionali 2018, si presentano 141mila votanti in più rispetto alle amministrative 2016).

Considerati i valori assoluti, da un’analisi approssimativa dei dati sembra che nel comune di Roma, tra il 2016 e il 2018, il M5S abbia perso consensi a favore del centrosinistra e del centrodestra. Ma non solo. L’elettorato astenutosi nel 2016 che si rimobilita nel 2018 vota per il csx o per il cdx, non per i cinquestelle.

Se i flussi elettorali confermeranno questo scenario, sarà corroborata la teoria dell’effetto Raggi come conseguenza negativa della tenuta del Movimento 5 Stelle nel Comune di Roma.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: