• 32
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 aprile, 2018

articolo scritto da:

Consultazioni Governo 2018: accordo M5S-Lega a un passo

consultazioni governo

Consultazioni Governo 2018: accordo M5S-Lega a un passo

Tra un paio di giorni riprendono le consultazioni al Quirinale, un accordo di governo tra Movimento 5 Stelle e Lega è ancora la pista più battuta. D’altra parte, nel weekend, a Matteo Salvini che assicurava il 51% di possibilità alla nascita di un esecutivo con i pentastellati, Luigi Di Maio ha risposto di non avere alcuna intenzione di trovare un’intesa anche con Berlusconi. Il leader leghista ha poi annunciato che a margine dei colloqui con Mattarella chiederà un incontro anche al capo politico dei 5 Stelle; anche se poi – in parte – tale possibilità ha perso quota. Sembra di capire che per lui o si fa un governo con i 5 stelle o si torna alle urne. Un’ipotesi quest’ultima che il Capo dello Stato si rifiuta anche solo di considerare. Tra l’altro, il Colle cercherà di capire se la coalizione di centrodestra abbia o meno le condizioni per trovare la fiducia del Parlamento.

Consultazioni Governo 2018: accordo M5S-Lega a un passo

Il problema dei veti incrociati, d’altronde, è molto lontano dall’essere risolto. Anche se Salvini si è più volte detto sicuro che, alla fine, i 5 stelle scenderanno a patti con tutto il centrodestra, i ragionamenti su un eventuale voto anticipato cominciano a farsi concreti. D’altra parte, dal 4 marzo in poi, la guida del Carroccio è sempre stata chiara sul fatto che se la legislatura parte deve aver la capacità di durare 5 anni. Insomma, nessun “governicchio” per cambiare la legge elettorale; nessuna maggioranza traballante.

Per questo l’agenda viene tenuta libera per fine settembre o inizio ottobre; a quel punto il problema tornerebbe a essere il Rosatellum. Qui, potrebbero intervenire le commissioni incaricate del disbrigo degli affari correnti che, però, cosa andrebbero a inserire? Un premio di maggioranza per i partiti, come vuole il M5S, o per le coalizioni, come chiederebbe il centrodestra?

In questo schema manca l’azione del Presidente della Repubblica che, come si diceva, cercherà di evitare nuove elezioni in tempi brevi. Data l’attuale inconsistenza del Pd, Mattarella potrebbe puntare, innanzitutto, sull’avvicinamento proprio di Lega e 5 Stelle. Due gli snodi su cui bisognerebbe agire: a chi si potrebbe dare l’incarico, cioè chi farebbe il premier? Magari una figura “terza” rispetto a Salvini e Di Maio?; che ruolo per Berlusconi? L’ex Cavaliere potrebbe orientarsi su un appoggio esterno e rinunciare all’ingresso in maggioranza?

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: