articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Governo 2018, ultime notizie: programma M5S-Lega, i 3 punti principali

governo ultime notizie

Governo 2018, ultime notizie: programma M5S-Lega, i 3 punti principali

Tutto procede secondo i piani, ci vorrà solo un po’ più di tempo ma, alla fine, governo giallo-verde sarà. Superato lo scoglio Forza Italia, sembra esserci anche l’accordo sul premier “terzo” (oggi, per esempio, circola con insistenza il nome di Giampiero Massolo); ora, è tempo di parlare di programma per Di Maio e Salvini. Le trattative tra il capo politico pentastellato e il segretario del Carroccio dovrebbero già essere a un livello avanzato; i tre snodi principali sul tavolo sembrano essere: contrasto all’iimmigrazione clandestina; Reddito di cittadinanza/Flat Tax; Legge Fornero.

Almeno così ha fatto intendere ai cronisti di Montecitorio il deputato 5 stelle Alberto Bonafede: “ci sono moltissime convergenze sull’immigrazione oltre che su flat tax e reddito di cittadinanza”. A rimarcare l’ottimismo anche un altro deputato del Movimento Rocco Casalino che ha assicurato: “totale sintonia con la Lega sulla Legge Fornero”; quest’ultima, però, ancora non è chiaro se verrà abolita o solo modificata: finora si è parlato di “superamento”.

Governo 2018, ultime notizie: programma M5S-Lega, i 3 punti principali

Altre questioni su cui sta proseguendo il dialogo sono di certo la riduzione dei costi della politica e la sburocratizzazione della macchina statale. Inoltre, sarà importantetrovare una linea comune sulla legittima difesa. Poi, sentendo Di Maio, l’intesa si allargherebbe fino a un intervento sul conflitto d’interessi; sembrava necessario accantonarlo per incassare il bene placito di Berlusconi, invece, pare che abbia trovato di nuovo spazio nei negoziati; con tutta probabilità, la questione non è stata ritenuta sacrificabile data la sua importanza per l’elettorato pentastellato.

Non è detto che, così come delle nuove norme anti-corruzione, guadagni anche solo un angolino del programma. D’altra parte, a comunicarlo Davide Casaleggio, il “contratto” sarà giudicato dagli iscritti al Movimento via Piattaforma Rousseau; dunque, meglio che delle misure in tale direzione quantomeno figurino tra i punti in agenda.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: venerdì, 11 Maggio 2018