• 34
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 19 maggio, 2018

articolo scritto da:

Governo ultime notizie: premier M5S, altri tre nomi papabili. Rumors

governo ultime notizie

Governo ultime notizie: premier M5S, altri tre nomi papabili. Rumors

Un altro ostacolo è stato superato, i sostenitori del Movimento e il consiglio federale leghista hanno approvato il contratto di governo. Ora, l’intesa giallo-verde affronta l’ultimo miglio: entro il weekend, al massimo lunedì, bisogna risolvere la questione premier. Palazzo Chigi toccherà ai pentastellati, questa pare essere l’unica certezza. Oltre questo dato, i dubbi si sprecano; innanzitutto, verrà indicato il nome di un esponente del partito o quello di un tecnico d’area 5 stelle?

Sono tantissimi i nomi dei papabili apparsi in questi giorni sugli organi di stampa. Oggi, al novero si sarebbero aggiunti anche Emanuela Del Re, Andrea Roventini e Lorenzo Fioramonti. Alla vigilia del voto, la prima era stata scelta da Di Maio come ministro degli Esteri; in un’ipotetico governo monocolore pentastellato, il secondo avrebbe preso il dicastero dell’Economia e il terzo quello dello Sviluppo Economico. Intanto, sempre in chiave premiership, torna a circolare il nome del giurista Giuseppe Conte.

Governo ultime notizie: premier M5S, altri tre nomi papabili. Rumors

Insomma, tutte personalità di sicuro valore ma “seconde file” in un’ottica “politica”; difficile dunque che il Presidente Mattarella conceda la propria approvazione a una soluzione del genere, almeno per quello che ha fatto intendere finora. Da qui si arriva a un altro interrogativo: è stata del tutto accantonata la possibilità di incaricare Di Maio? Lui continua ad assicurare di aver fatto un “passo indietro” di concerto al segretario del Carroccio; tuttavia, pare che il Colle sia orientato a forzare le resistenze di Salvini.

Di Maio a Palazzo Chigi è quella soluzione “netta” che il Quirinale ha più volte invocato. Dal canto suo, il leader leghista, nonostante la chiusura ufficiale a tale ipotesi, per alcuni ha cominciato a preparare il terreno per il dietrofront. Così ai suoi riuniti in via Bellerio avrebbe detto che “il programma è quintessenzialmente leghista” nel senso che “accoglie la politica del ‘prima gli italiani’ e il 90% delle richieste”. Tanto per essere più chiaro si sarebbe anche lanciato in una metafora: “quando la rotta è ben definita, non è così importante chi guida”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: